CASTELLAMONTE - Comunicare anziché sanzionare. Buone pratiche di gentilezza all’ombra del monumento alla stufa di Nespolo. Posta sui social la foto dell’auto in divieto, il capogruppo di maggioranza e «assessore alla gentilezza» in pectore evita la multa al nonnino sbadato. E’ successo tutto a Castellamonte nell’ambito di una festa pubblica dove era stata prevista l’occupazione di un parcheggio in pieno centro per l’allestimento di uno spazio dedicato. Per questo nei giorni precedenti era stato esposto un avviso che invitava i cittadini a lasciare libero il parcheggio nella piazza.

«Nonostante ciò un castellamontese sbadato aveva lasciato parcheggiata in un posteggio la propria autovettura – spiegano dal Progetto Nazionale Costruiamo Gentilezza - In quell’occasione il capogruppo di maggioranza, Alessandro Musso, sul luogo in quanto partecipava all’organizzazione dei festeggiamenti,  avrebbe potuto chiamare il carroattrezzi per far rimuovere il mezzo. Tuttavia, anziché mettere in atto una misura sanzionatoria, ha preferito agire diversamente, con gentilezza. Ha postato la foto del mezzo sul gruppo social locale invitando il proprietario a spostare l’auto. Nel giro di mezz’ora é stata spostata, ottenendo allo stesso modo il risultato desiderato ma senza sanzioni».

E’ lo stesso Alessandro Musso a raccontare quel momento e il suo approccio davanti a quella criticità: «Quando il proprietario del mezzo si é presentato per spostare la sua autovettura ho scoperto che era una persona anziana. Era stato avvisato da alcuni conoscenti che avevano visto il post sul social. Era mortificato perché non aveva letto l’avviso. Avessi chiamato il carroattrezzi  si sarebbe ottenuto come riscontro una persona arrabbiata che molto probabilmente avrebbe prestato più attenzione alla sanzione rispetto a quanto aveva fatto. Così ho optato per un’altra soluzione».

Galleria fotografica

Articoli correlati