CIRIE' - La Città di Ciriè celebra Giorno della Memoria 2023 con una serata, prevista in Biblioteca A. Corghi il prossimo mercoledì 25 gennaio, rivolta a ragazzi ed adulti, mirata a commemorare le vittime dell’Olocausto e a mantenere vivo il ricordo delle persecuzioni legate alle leggi razziali.

Sarà il docente e giornalista Davide Aimonetto a condurre l'appuntamento, dal titolo "Lo Yad Washem di Gerusalemme e il Tribunale dei Giusti": attraverso la sua guida approfondiremo la nascita dello Yad Washem di Gerusalemme - l' Ente nazionale per la Memoria della Shoah - scopriremo alcune delle personalità insignite dal Tribunale dei Giusti e le storie più toccanti nate in seno a quel tragico periodo.  Si parlerà ad esempio delle vicende di Carlo Angela, Gino Bartali e Giorgio Perlasca e di come il loro coraggio e la loro determinazione abbiano potuto salvare tante vite durante il periodo delle persecuzioni nazifasciste.

La serata sarà anche l'occasione per consegnare un attestato di partecipazione agli studenti degli Istituti Superiori D'Oria e Fermi Galilei di Cirié e dell’Istituto Superiore Federico Albert di Lanzo che nel corso dell'ultimo anno hanno seguito il percorso di formazione "Ogni giorno è il giorno della memoria", progetto di cui la Città di Cirié è ente capofila e che si è classificato primo al relativo bando della Regione Piemonte.

Tramite il coordinamento dell'Informagiovani di Cirié, i ragazzi sono stati coinvolti attraverso la costruzione di una vera e propria rete territoriale composta dai Comuni di Ciriè e di Lanzo, l'Istituto Superiore Fermi-Galilei e l'Istituto Superiore Tommaso D'Oria di Cirié, l'Istituto Superiore Federico Albert di Lanzo, l'associazione Morus onlus, l'associazione Macapà, l'associazione Wolontari Clown odv, la Fondazione Istituto Ernesta Troglia, l'associazione socioculturale multietnica Il Portone del Canavese onlus.

Rete che ha permesso agli studenti di essere protagonisti di in un percorso formativo mirato al contrasto dell'antisemitismo e del razzismo, con approfondimenti sui temi di cittadinanza attiva, accoglienza, solidarietà, valorizzazione del bene comune e del senso di appartenenza a una comunità accogliente e non discriminatoria. Entrata libera e gratuita. Inizio ore 20.45.

Galleria fotografica

Articoli correlati