CUORGNE’ - Una traversata su un cavo teso all’ultimo piano della Mole Antonelliana di Torino, sede prestigiosa del Museo Nazionale  di Cinema, sospeso a 35 metri dal suolo per un lunghezza di circa 25 metri. Sono questi i numeri della prossima impresa del canavesano, Andrea Loreni, funambolo specializzato in traversate a grandi altezze. Uno spettacolo mozzafiato con 19 repliche in 10 giorni.

La sua performance si inserisce all’interno di una scaletta ricca di ospiti e spettacolo per «Cinema e circo, una lunga storia d’amore», il progetto, unico nel suo genere, che Fondazione Cirko Vertigo, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema, realizzerà dal 24 giugno al 3 luglio tutte le sere, all’interno degli spazi della Mole Antonelliana. Uno spettacolo mozzafiato per festeggiare assieme al pubblico il Santo Patrono della Città, il riconoscimento a laurea triennale in Circo contemporaneo dato dalla Commissione interministeriale al percorso formativo di Cirko Vertigo e i vent’anni dalla nascita della Scuola di Nuovo Cirko. La Mole Antonelliana, monumento simbolo della Città, si trasformerà in un enorme palcoscenico, animandosi di acrobati aerei, danzatori, giocolieri e del funambolo Andrea Loreni, che fa dell’equilibrio e -soprattutto- della gestione del disequilibrio il fulcro della sua esistenza professionale e personale. 

L’evento è realizzato in situ e studiato appositamente sulla base della struttura architettonica interna della Mole, con lo scopo di fondere atto performativo e luogo di performance in un unicum in grado di offrire al pubblico un’esperienza irripetibile. Lo spettacolo riceve il contributo di MIC – Progetti speciali, Città di Torino, Regione Piemonte, Iren, NovaCoop e ha il patrocinio di Città Metropolitana di Torino.

La direzione artistica e la creazione del progetto è seguita da Paolo Stratta, fondatore e direttore di Fondazione Cirko Vertigo. Collaborano alla scrittura della creazione Caterina Mochi Sismondi, Fabio Barovero e il critico cinematografico Steve Della Casa oltre ai migliori artisti di circo contemporaneo formati nel capoluogo negli ultimi 10 anni insieme ad artisti professionisti della compagnia. In scena cinema, teatro, danza, musica dal vivo e circo contemporaneo, con gli artisti: Gonzalo Jeremìas Alarcòn Alarcòn, Alex Aufderklamm, Guenda Bournens, Alexandre Duarte, Vladimir Ježić, Andrea Loreni, Simone Menichini, Michelangelo Merlanti, Elisa Mutto, Filippo Vivi.

Galleria fotografica

Articoli correlati