IVREA - Torna a Ivrea «La grande Invasione», il festival della lettura: la città, famosa principalmente per lo Storico Carnevale, verrà colmata questa volta da giovani talenti, professionisti del settore ed un pubblico curioso. Il progetto prevede quattro giornate, programmate dal 2 al 5 giugno 2022, ricche di eventi che accoglieranno centinaia di ospiti, di cui tre anche di fama internazionale. Il festival di quest’anno segna inoltre un importante traguardo, ovvero quello di essere giunti alla sua decima edizione, arricchito per aggiunta dal titolo di Capitale Italiana del libro 2022, fattore di orgoglio per la città di Ivrea. 

L’inaugurazione verrà affidata a Nicola Lagioia e si terrà nel Cortile del Museo del Garda il 2 giugno alle ore 18.00. Allo scrittore italiano è stata assegnata la lectio d’apertura dedicata al ruolo che sia i libri, che la lettura assumono nella nostra vita e la loro conseguente importanza. Ed è proprio in merito all’importanza di leggere che è stata anche creata un Piccola Invasione, dedicata appunto ai lettori più giovani, curata da Marco Cassini e Gianmario Pilo, con Lucia Panzieri e Silvia Trabalza, volta a trasmettere loro il valore della lettura. La fase di apertura del festival proseguirà poi con le mostre di Pax Paloscia (Santa Marta), Elisa Talentino (Mama b), Guido Scarabottolo (Spritz), Lino Ricco (Cortile del Museo Garda), Dario Panzieri e Matteo Contin (Galleria del Libro), Asini si nasce (ZAC!), Edita bw vintage (Spritz), Under Pressure (Graphic Fighters).

Le giornate del festival si apriranno con la rassegna stampa e la lettura commentata dei quotidiani, momento volto a plagiare la classica colazione italiana al bar, accompagnata dall’intramontabile lettura del quotidiano, donando quindi fin dal principio una sensazione di familiarità e comfort per il pubblico. Sarà possibile inoltre partecipare ad uno dei format più amati de La Grande Invasione, ovvero quello di far conoscere al pubblico presente quali sono stati i libri decisivi per la formazione di alcuni professionisti, quest’anno in particolare degli scrittori Silvia Ballestra, Giancarlo De Cataldo, Giorgio Fontana e Loredana Lipperini.

Il festival quest’anno dedicherà una particolare attenzione alla narrativa italiana, permettendo ad otto scrittori di poter raccontare i loro nuovi libri, sparsi per l’intera città di Ivrea: i protagonisti di quest’attività saranno Jonathan Bazzi, Ilaria Gaspari, Vincenzo Latronico, Giordano Meacci, Valeria Parrella, Marco Peano, Chiara Tagliaferri e Nadia Terranova. Sarà inoltre presente un riferimento in merito al Premio Strega, che si concluderà con il verdetto di Luglio 2022. La classe 2022 del master “Il lavoro editoriale” della Scuola del Libro presenterà ed intervisterà la “dozzina” del Premio Strega, in collaborazione con la Fondazione Bellonci. 

Tra le numerose attività che caratterizzano il festival, quest’anno sarà possibile anche partecipare alle lezioni. La proposta è stata ulteriormente ampliata rispetto alle edizioni degli anni precedenti, aggiungendo nuovi cicli di incontri dedicati rispettivamente al fumetto (Emanuele Rosso), alla lettura dei dati e dei sondaggi (Lorenzo Pregliasco), alla scuola (Serenella Sciortino con Marco Magnone, Giusi Marchetta e Fabio Geda) e alla non-fiction (Andrea Pomella che, in collaborazione con la Scuola del Libro, terrà un vero e proprio corso di scrittura durante i tre giorni del festival) per un totale di 45 appuntamenti. Ultimano il programma delle lezioni anche quelle di Chiara Alessi sul design; Silvia Bencivelli sulle scienze; Daniele Cassandro sulla musica; Marta Ciccolari Micaldi (La McMusa) con “Chi sono gli americani? Tre personaggi unici per tre storie d’identità collettiva”; Gianni Montieri e Anna Toscano sulla poesia “Con certi versi”; Matteo Nucci su “Guerra e morte in Omero”, “Cervantes” e “Hemingway”, Matteo Saudino (Barbasophia) sulla filosofia; Luca Scarlini sull’arte; Andrea Staid sull’antropologia; l’Ultimo Uomo su sport e rivalità, Club dei libri sui dialoghi immaginari.

La Grande Invasione prevede anche un intero spazio dedicato ai Podcast, che vedrà come protagonista Annalisa Camilla con “Limoni”, podcast sul G8 di Genova vent'anni dopo e quello di Da Kiev, registrato dalla giornalista nella capitale ucraina. Filippo Femia porta alla Grande invasione “Vlora”, il suo lavoro dedicato al trentennale dello sbarco a Bari della nave albanese. Gli amanti della saggistica potranno invece assistere agli appuntamenti con Luca Sofri e Francesco Costa, che presenteranno i nuovi progetti editoriali nati dalla collaborazione con Iperborea: Cose e Passenger; Michele Masneri e Luca Beatrice dialogheranno di giornalismo culturale; un dialogo tra Valerio Mattioli e Cosmo sulla musica; Francesco Casolo sulla famiglia Menabrea, e per concludere, un ritratto di Leone Ginzburg a cura di Angelo D’Orsi.

Il teatro Giacosa ospiterà invece i tre momenti dedicati ai reading: Massimo Popolizio legge “Pastorale americana” di Philip Roth (giovedì 2 giugno); Corrado Fortuna nel suo monologo “Ma chi è Stato?” in occasione del trentennale delle morti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino (venerdì 3 giugno); la coppia Fabio Stassi e Neri Marcorè legge “Mastro Geppetto”, ultimo lavoro di Fabio Stassi (sabato 4 giugno). Sarà inoltre possibile partecipare ad incontri fuori catalogo, come il reading del “Disfacimento” letto da Irene Graziosi e musicato da Splendore; oppure “Decisioni di salute”, un ciclo di tre incontri in collaborazione con il Corso di Laurea in Infermieristica, La mia Olivetti, il corner di Giorgio Soavi a cura di Marco Bandiera. 

Contribuiscono a conferire importanza e prestigio a La grande Invasione gli ospiti internazionali: il sudcoreano Bae Myung-hoon presenterà il suo nuovo romanzo “La torre”; Pajtim Statovci con “Gli invisibili; e per concludere la scrittrice uruguayana Fernanda Trías, che presenterà il romanzo “Melma rosa”. Gli editori ospiti presenti saranno  “Sellerio” e “Add editore”, ai quali verranno dedicati due momenti speciali: Giorgio Gianotto intervisterà Antonio Sellerio (sabato 4 giugno) e Fabio Geda incontrerà Francesca Mancini (domenica 5 giugno).

L’editore ospite per La Piccola Invasione sarà invece “Terre di Mezzo”, che porta al festival le illustratrici Emma Lidia Squillari, Letizia Iannaccone e Maja Celija, le quali saranno le protagoniste di alcuni incontri per i più piccoli, sotto i portici di piazza Ottinetti. E’ previsto inoltre un incontro programmato con gli studenti del Liceo Artistico Faccio, condotto da Vanna Vinci, fumettista e disegnatrice. La piccola invasione avrà anche uno spazio dedicato al Teatro Giacosa con uno spettacolo di filastrocche con Bruno Tognolini al (sabato 4 giugno) e con Gek Tessaro, attraverso il suo teatro disegnato “Libero zoo” (domenica 5 giugno).

Per poter partecipare all’evento è necessario recarsi alla Galleria del libro di Ivrea o prenotando al numero 0125.641212, al fine di acquistare e prenotare i biglietti delle lezioni, dei reading e degli spettacoli. Ogni lezione ha il costo di 5 Euro. Il corso di scrittura in tre lezioni di Andrea Pomella costa 50 euro. Tutti gli altri eventi sono a ingresso libero fino a esaurimento posti. Per qualsiasi delucidazione o chiarimento è possibile consultare il sito www.lagrandeinvasione.it

Galleria fotografica

Articoli correlati