LEINI' - Si è tenuta in città la cerimonia di intitolazione di piazzale Madonnina a padre Paolo Gianinetto. Padre Paolo Gianinetto, «Paulin» per i leinicesi, era nato a Leinì il 29 febbraio 1912 ed è mancato ad Alpignano il 18 novembre 2009, all’età di 97 anni, oltre 60 dei quali trascorsi in Africa, dopo 78 di professione religiosa e 74 di sacerdozio ed ora riposa in quel cimitero nel settore dei Missionari della Consolata.

Alla cerimonia erano presenti il sindaco, Renato Pittalis, la giunta e il Consiglio comunale quasi al completo, le associazioni leinicesi, tra cui Samco Onlus, Gruppo Alpini Leyni, Club Alpino Italiano Leini, Associazione nazionale Carabinieri Leini, Gruppo Comunale Protezione Civile e la Filarmonica Vittorio Ferrero che ha aperto e chiuso la cerimonia con due brani.

Presente anche la nipote di padre Gianinetto, Angela, che, commossa, ha ricordato lo zio «Paulin» e ha scoperto, insieme al primo cittadino, la targa commemorativa recante una breve biografia di padre Paolo. Il vice Presidente del Consiglio Comunale, Andrea Rossin, ha letto il testo della mozione approvata all'unanimità dal Consiglio Comunale che ha definito l'intitolazione. Il parroco, don Garbiglia, ha benedetto la targa dopo lo scoprimento. Il sindaco Renato Pittalis ha infine ricordato la vita e soprattutto le opere di padre Gianinetto, a cui il Comune aveva concesso la cittadinanza onoraria di Leinì per «avere nella sua opera pastorale quotidiana diffuso la cultura della pace, della solidarieta', della fratellanza e dell'aiuto per i più deboli lavorando con quanti operano tendendo la mano al prossimo». (Foto tratte dalla pagina Facebook del Comune di Leinì)

Galleria fotografica

Articoli correlati