SCARMAGNO - Il lungometraggio «Il tesoro di Ypa» ha debuttato il 4 settembre a Mazzè e ora arriva a Scarmagno. Appuntamento sabato 18 settembre alle 20.30 nella piazza comunale Cav. Maria e Savino Enrico. La serata è proposta da Via Romea Canavesana in collaborazione con l'Amministrazione comunale e la Pro Loco scarmagnese. Il Tesoro di Ypa è un film di 119 minuti, scritto da Danilo Alberto e diretto da Roberto Gillone dell’associazione Natura e Paese, direttore della fotografia Luca Morandi. Otto sono i protagonisti principali, affiancati da una cinquantina tra comparse e collaboratori tecnici. È ambientato ai giorni nostri e le sue avventure ci condurranno in numerose località del Canavese.

«Salvo la colonna sonora scritta appositamente dal maestro Sandro Frola, si tratta di un lavoro amatoriale – spiega il presidente dell’associazione Via Romea Canavesana, il mazzediese Danilo Alberto, autore della sceneggiatura – ma che è anche ambizioso, per varie ragioni. In primis offre allo sguardo i luoghi che, da canavesani, ci pare di conoscere, ma non abbiamo forse mai osservato con l’interesse che meritano, e si propone poi di suscitare in più persone possibile la curiosità di vederli dal vivo. Questo intento si realizza sullo schermo attraverso una trama con punte di giallo e molta ironia, che vede i personaggi impegnati nella ricerca del “tesoro” della leggendaria regina Ypa. Gli ideatori del film sono tutti volontari, così come il gruppo, molto coeso, che si è creato per compiere l’opera, continua Alberto. Ci siamo messi alla prova, è stato laborioso ma anche divertente, abbiamo imparato molto insieme. Lo abbiamo fatto per amore del territorio in cui viviamo, che merita il nostro tempo, e per valorizzare con le nostre forze anche quei centri la cui importanza e interesse storico, artistico e paesaggistico è troppo poco conosciuto».

«Il racconto scritto da Danilo Alberto mi è subito interessato e ho ritenuto accattivante la proposta di realizzare un prodotto culturale che parlasse del Canavese, abbracciando luoghi poco conosciuti al pubblico ma di notevole rilevanza storica, artistica e culturale», racconta il regista vischese Roberto Gillone. «“Il Tesoro di Ypa” è il sesto lungometraggio che realizzo, questa volta unendo due associazioni canavesane. L'associazione Natura e Paese di Vische, di cui faccio parte, ha sempre avuto come missione quella di promuovere il territorio attraverso lungometraggi, docufilm, presentazione di libri. Nei nostri progetti video hanno sempre partecipato persone del luogo non attori professionisti, persone che si sono messe in gioco in queste avventure e che, per il solo motivo di averlo fatto, ne sono usciti vincitori. La Via Romea Canavesana mi ha dato la possibilità di lavorare e confrontarmi, ma soprattutto di creare nuove amicizie con un team esterno di appassionati del settore. Ho pensato di coinvolgere persone che hanno partecipato ad alcuni progetti di Natura e Paese con cui mi sono sempre trovato molto bene. Questo film sarà una porta sul Canavese, cercherà di trasmettere l'amore per il territorio attraverso coloro che sono nati e cresciuti nel Canavese e che vogliono far conoscere queste terre».

Sabato 18 settembre alla presentazione da parte degli ideatori seguirà la proiezione del film. Per prenotazioni (entro giovedì 16 settembre), rivolgersi ai seguenti numeri telefonici: 3338381816 (Nadia)/ 3388941494 (Dino). In caso di maltempo, l'evento verrà annullato.

Galleria fotografica

Articoli correlati