Galleria fotografica

VALPERGA - Sabato 17 febbraio il Teatro Fernandi di Valperga ha aperto le sue porte e ha fatto da cornice, per due volte, dell'atteso ed emozionante spettacolo «Rette Parallele». La rappresentazione teatrale ha raccontato momenti di vita vissuti da persone direttamente o indirettamente a contatto con la fibrosi cistica. Si tratta di un progetto nato dalla collaborazione tra Sara Cornelio, venuta prematuramente a mancare proprio di fibrosi cistica nel 2022, il regista Samuele Carcagnolo e il produttore Paolo Vigato, per sensibilizzare sulla tematica della malattia e sulla donazione di organi attraverso un registro contemporaneo e senza filtri, trattando momenti d’amore, di rinascita e altri ancora di difficoltà. L’evento è stato sostenuto dai fondi dell’Otto per mille della Chiesa Valdese, col patrocinio del Comune di Valperga e della Regione Piemonte. «“Rette parallele” è stato nella sua tappa valperghese anche ambasciatore di una grande verità: respirare insieme è il vero atto rivoluzionario perché solo respirando insieme si potrà combattere l’indifferenza e, forse, comprendere il vero valore di un respiro. Sara Cornelio rimane simbolo dei valori della donazione e della solidarietà, valori che hanno avuto voce tramite il suo spettacolo, Rette Parallele» hanno spiegato gli ideatori del progetto. 

L’iniziativa organizzata e fortemente voluta da Aido Piemonte, con il supporto organizzativo dell’Associazione «Il dono di Sara» nata in memoria dell’autrice, è stata utile per spiegare l’importanza di dire si alla donazione degli organi, un gesto civico di grande solidarietà sociale. Partendo da questi concetti è stata presentata la mission associativa dai volontari Aido. Valter Mione e Fabio Arossa in primis, rispettivamente presidente e vice presidente dell’Aido regionale, hanno dichiarato: “Rette Parallele è veicolo che Aido ha adottato per aiutare il cittadino a compiere una scelta consapevole alla donazione degli organi tramite Aido, al rinnovo della carta di identità o alla propria Asl. Un Sì a favore delle otto mila persone in attesa di trapianto. E’ importante che ciascuno di noi si faccia portavoce di questo importante messaggio di vita». Erano presenti in sala i presidenti provinciali Aido del Piemonte e tanti  volontari che hanno apprezzato lo spettacolo applaudendolo.

«E' stata una giornata veramente importante, visto il contenuto della stessa - hanno commentanto il sindaco di Valperga Walter Giuseppe Sandretto, sostenuto dalla concittadina e studentessa dell’Istituto XXV Aprile Isabel Mijno - Per noi  è stato un onore aver ospitato questa lodevole iniziativa da parte di Aido Piemonte con contenuti toccanti e testimonianze vere le quali evidenziano il vero dono della Vita nel meraviglioso Teatro Comunale Eugenio Fernandi. Ricordo inoltre che è un dovere da parte dell’istituzione come previsto dalla legge il diffondere le giuste informazioni. Quindi ringrazio ancora tutti i partecipanti alla giornata dai cittadini,alle autorità Regionali,agli attori ai testimoni e agli organizzatori che hanno condiviso questo momento anche con i più giovani, dall' istituto comprensivo di Valperga agli istituti superiori. Porgo i complimenti a tutti gli studenti per il loro fondamentale supporto per la realizzazione della giornata e in particolare un forte ringraziamento alla studentessa Isabel Mijno per aver fatto gli onori di casa e portato i saluti a nome dell’amministrazione comunale di Valperga in modo eccellente e con estrema padronanza nonostante la grande responsabilità del compito richiesto nell’incontro pomeridiano, visto che l’amministrazione era impegnata in altre attività istituzionale. Concludo con una frase: la felicità non è per chi riceve ma per chi dona».

Ospite della serata anche il consigliere Regionale Andrea Cane che ha sottoscritto la propria volontà alla donazione degli organi tramite Aido dichiarando a fine spettacolo: «E' un’immensa gioia aver partecipato al convegno organizzato da Aido Piemonte a Valperga, che fa parte dei territori che abito e che mi impegno a tutelare tutto l’anno facendo squadra con cittadini ed amministratori comunali: proprio per la tanta passione condivisa ho deciso di aderire a questo prezioso gruppo di volontari per ricordare ancora una volta quanto sia importante essere donatori di organi e anche donatori di sangue». Al termine dei due spettacoli ha preso vita un talk sul dono condotto dal dottor Raffaele Potenza del Coordinamento Prelievi di organi Piemonte e VdA accompagnato da Emanuele Fiore, cestista e trapiantato di fegato, che ha portato la sua testimonianza. Momento toccante e di grande formazione a cui hanno fatto seguito diverse domande dal pubblico in sala. 

Un ringraziamento sentito va, da parte dei promotori dell'iniziativa, alle insegnanti e agli studenti dell'Istituto XXV Aprile di Cuorgnè e all'Istituto Comprensivo di Valperga che hanno prestato la loro attività di volontariato accogliendo calorosamente il pubblico che entrava in sala.  Entusiasti i volontari dell’Aido locale che presto si occuperanno anche del comune di Valperga e di altri paesi limitrofi, diventando punto di riferimento locale sulla tematica della donazione degli organi. «Lo spettacolo di sabato sera a Valperga ha, in qualche modo, anticipato una novità che verrà ufficializzata nella assemblea straordinaria che avrà luogo venerdì 23 febbraio alle ore 21 a Ivrea durante la quale il gruppo AIDO di Ivrea diventerà intercomunale ampliando il territorio di competenza che vedrà l’inserimento dei comuni delle valli Orco e Soana , del comune di Cuorgnè limitrofi - hanno dichiarato Paola Rabbione e Corrado Bellono - La sincera accoglienza ricevuta da parte del Sindaco di Valperga pone delle ottime basi per l’organizzazione di eventi volti a sensibilizzare la popolazione sull’importante tema della donazione degli organi soprattutto adesso che il cittadino maggiorenne è chiamato ad esprimersi al riguardo in fase di rinnovo della carta di identità. Ringraziamo anche il consigliere regionale Andrea Cane per il supporto ricevuto con l’augurio di future collaborazioni sempre finalizzate alla mission dell’associazione».