Quarantenne da pochi giorni, basta darle un’occhiata anche veloce per capire che Kate Middleton, duchessa di Cambridge, è ufficialmente pronta per diventare regina. Compagna ideale del principe William, digerito dalla monarchia al contrario del ribelle Harry, Kate si è adeguata, uniformata e adattata ad un destino che non sembra le sia mai pesato, almeno ufficialmente. L’esatto contrario di quanto accaduto a sua cognata Meghan Markle, che alle regole ha reagito lanciando petardi per i corridoi di Buckingham Palace.

Nata in una famiglia ricca ma non nobile, con antenati minatori e genitori ex dipendenti della “British Airways” diventati titolari di un’azienda di vendite online, Kate ha saputo giocarsi benissimo le sue carte fin da quando ha conosciuto William all’esclusiva Università di St. Andrews, in Scozia, mettendo subito in chiaro che lei non sarebbe stata una sciacquetta adolescenziale a disposizione dei bollori del principe adolescente. E William, che come tutti i Windsor è stato costretto a far soppesare le aspiranti principesse ai protocolli di corte, ha ceduto trovando l’approvazione di suo padre Carlo e più che altro quello di nonna Elisabetta, che dopo il pasticcio Diana, lo scandalo di Camilla e il ciclone Meghan  è sempre più attenta a concedere la propria benedizione.

A consacrare definitivamente Kate, entrata a corte il 29 aprile del 2011 e da allora alta, bella e impeccabile, i tre splendidi bimbi che assicurano la continuità della monarchia inglese: George, Charlotte e Louis.

Ma Kate è anche altro: una donna elegante, mai sopra le righe, che non nega sorrisi a chiunque incontri. Affabile, gentile, umile (si sprecano gli episodi di chi l’ha incontrata al supermercato), è anche una delle influencer più efficaci che ci siano, entrata nell’elenco delle “donne più influenti del mondo” secondo il mensile “Time”. Le basta indossare un cappotto di un brand indipendente britannico di abbigliamento (magari in crisi) perché questo vada esaurito nel giro di poche ore, anche se magari sotto ha un maglioncino in lana preziosa che costa come un’automobile. Così come le basta indossare un paio di orecchini da poche sterline, o riportare all’attenzione del mondo un taglio di capelli classici, perché diventi un trend ovunque.

Per i suoi 40 anni, ormai icona di stile e sobrietà, la sua immagine è stata passata al setaccio da esperti di ogni angolo del mondo, superando tutti gli esami. Ma il più curioso è forse l’intervista che Sarah Fadli, noto chirurgo estetico parigino della “Maison Lutetia”, ha concesso al magazine “Madame Figaro”.

È stata l’esperta francese, a confessare che sono decine le donne che le chiedono una “happy face” come quella di Kate. Definizione di un volto luminoso, con trucco appena accennato, pelle “glowly”, gote alte e poche rughe, giusto quelle che distinguono una quarantenne da una ragazza di venti.

Per la Fadli, la “Middleton mania” è il vento di una nuova tendenza femminile, che dopo anni di make-up pesante ha rivalutato le potenzialità un viso luminoso e naturale.

Galleria fotografica

Articoli correlati