Si aggiunge un nuovo capitolo alla curiosa storia della “DeLorean DMC-12”, un’auto dal destino bislacco: sfortunata come poche altre sul mercato, è diventata una delle vetture più celebri della storia del cinema.

Era una DeLorean, per i pochi che non ricordano, la protagonista su ruote di “Ritorno al Futuro”, la trilogia cult di Robert Zemeckis interpretata da Michael J. Fox e Christopher Lloyd, rispettivamente nei ruoli del giovane Marty McFly e dello scienziato Emmett “Doc” Brown.

Adesso, a più di trent’anni dal terzo e ultimo capitolo della saga, la DeLorean torna a fare notizia: la “eCap”, azienda specializzata nella trasformazione di vetture con motore termico in elettriche e ibride, ha svelato al Salone di Monaco la variante elettrificata della leggendaria DeLorean.

I tecnici della eCap hanno rimosso totalmente il motore, il PRV V6 da 2.850 cc, per fare spazio ad uno studiato appositamente per convertire in elettrico le vetture storiche. Accompagnata da una potenza pari a 60 kW, la Delorean alla spina ha un’autonomia di 200 km circa per una velocità massima di 200 km/h, e nasconde la presa di ricarica dietro la targa posteriore. A breve, ha annunciato l’azienda, dovrebbe arrivare una versione a metano.

La DeLorean era stata l’idea di un imprenditore americano di origine rumena, John Zachary DeLorean, che dopo aver lavorato a lungo alla Chrysler un giorno si era messo in testa di creare un proprio marchio. Chiede a Giorgetto Giugiaro di disegnare l’unica auto che riuscirà a produrre la “DeLorean Motor Company”, a cui decide di dare il proprio cognome: vuole le porte ad ali di gabbiano e una carrozzeria in acciaio non verniciato. Ne producono 900 esemplari circa, ma nel 1982 DeLorean viene arrestato per traffico di droga e la società crolla miseramente.

Tre anni dopo, malgrado i guai giudiziari che ormai accompagnano un cognome diventato pesante, Zemechis non ha debutti e la sceglie come vettura per il suo film, regalando alla DeLorean la notorietà che non aveva mai avuto prima. Per il film la trasforma in una macchina del tempo che serve ai protagonisti per andare a spasso nella storia. Rinvigorito dal successo John DeLorean sogna il riscatto, ma nel marzo 2005 muore all’improvviso per un ictus che non gli lascia scampo.

Galleria fotografica

Articoli correlati