È ormai scientificamente provato che il pendolarismo fa male: secondo uno studio dell’Office for National Statistic inglese, chi è costretto a lunghi spostamenti per raggiungere il posto di lavoro rischia ansia, senso di insoddisfazione, accumulo di stress e dolori articolari diffusi, oltre ad un probabile divorzio.

Proprio a Londra, dove ogni giorno da treni e autobus scendono migliaia di lavoratori che abitano fuori città, è nata la prima idea “mindfulness”: la pratica che porta ad uno stato di benessere interiore basato sulla consapevolezza di se stessi.

Il servizio “The Inner Journey” (Il Viaggio Interiore), creato dalla “DLR” (Docklands Light Railways), consiste nell’allestire di 12 carrozze dei treni e installare 3 corner nelle stazioni in angoli dedicati al relax e la meditazione. L’entrata è libera, e per meglio approfittare dell’oasi di pace i visitatori sono invitati a scaricare un’app che offre programmi di meditazione. L’ambientazione riproduce scenari bucolici come la campagna, il mare, la montagna e la foresta, accompagnati dai suoni tipici di quei luoghi, appositamente creati per spingere gli occupanti ad abbassare il livello di stress e rilassarsi, prima o dopo una giornata di lavoro.

A idearlo è stata la “Youmanity”, una charity italiana con sede a Londra che si occupa di salute mentale e inclusione. “Spesso ci dimentichiamo dell'importanza di fare una pausa: con il progetto Inner Journey vogliamo offrire a chi lo desidera l’opportunità di ritrovare una dimensione dove avere un attimo di respiro nel frenetico ritmo quotidiano. Uno spazio pubblico dove potersi sentire accolti e riconnessi, condizioni che in tempo di Covid ognuno di noi anela più che mai a ritrovare”.

Galleria fotografica

Articoli correlati