Verrà, sta già arrivando, il giorno in cui la riga sulla carrozzeria non sarà più l’anticamera degli smadonnamenti, ma qualcosa che capita, da affrontare con un sorriso, semplicemente mettendo l’auto al sole.

È esattamente la nuova e avveneristica tecnologia messa a punto da una squadra di cervelloni del “KRICT” (Korea Research Institute of Chemical Technology), supervisionati da tre esperti: il dottor Jin Chul Kim, il dottor Young il Park e il loro collega Ji-Eun Jeong. La pensata, un materiale che si rigenera quando esposto alla luce solare. Per testarlo, il team ha mandato nel cassonetto del non riciclabile qualche decina di modellini d’auto in metallo, che prima hanno rivestito con la pellicola di loro invenzione e poi ripetutamente graffiato col cacciaviti, coltelli e bisturi affilatissimi. Al termine, soddisfatti, hanno messo al sole i modellini e aspettato circa 30 minuti, il tempo di un paio di involtini primavera, per scoprire che la pellicola si era rigenerata, ed ogni graffio svanito senza lasciare traccia.

Tecnicamente, si tratta di una precisa porzione della luce del sole, il cosiddetto “vicino-infrarosso”, con lunghezza d’onda compresa fra 1.000 e 1.000 nanometri che rappresenta il 10% della luce solare emessa a mezzogiorno, il punto di massima potenza.

Quando il materiale la assorbe, aumenta la temperatura in superficie per la conversione dell’energia luminosa in termica. Dopo pochi minuti, la ricombinazione dei legami chimici ha l’effetto di far sparire i segni sulla carrozzeria.

Va detto che da tempo la chimica industriale insegue il sogno di dire addio ai piccoli ma fastidiosi (e costosi) problemi delle carrozzerie, inevitabili specie per chi vive nelle grandi città trafficate, e qualche idea in proposito si era già vista, ma più che altro basata sui coloranti fototermici inorganici assai difficili da utilizzare a livello industriale, con la conseguenza di prezzi troppo elevati per pensare a soluzioni praticabili.

Al contrario, quella dei tre cervelloni nordcoreani è un “fil”, una pellicola che si applica alle carrozzerie, rispettando quindi la tinta originale, e realizzarla è un processo estremamente economico.

Galleria fotografica

Articoli correlati