E poi ti capita di trovarti ad un convegno in quel di Milano in cui si parla del “Megatrend della comunicazione digitale” e scoprire che nel panel dei tre relatori, tra il CEO di Banzai e il CEO di Facebook Italia siede l’unica donna invitata a discutere di futuro ed è Canavesana, Tatiana Rizzante, CEO di Reply. Parto da qui per riprendere uno dei miei cavalli di battaglia di questi anni, la valorizzazione dei nostri giovani e l’esempio concreto di innovatori che sono con il cuore nel nostro canavese e la testa nel mondo.
 
Se una cosa sto imparando dalla mia breve esperienza di amministratore locale, è la distanza siderale che divide questo mondo fatto di tanta, troppa burocrazia e lentezze figlie di bizantinismi difficili anche solo da spiegare, dalle velocità richieste degli altri mondi. Una distanza che solo le nuove generazioni di 20/30 enni saranno in grado di colmare con un vero e reale cambio culturale e generazionale.
 
Abbiamo delle grandi opportunità, abbiamo delle persone capaci spesso poco conosciute al territorio, ma riconosciute dal resto del mondo, abbiamo giovani preparati e dinamici che dobbiamo supportare e non osteggiare o peggio demotivare.
 
Ecco credo che il mio ruolo di amministratore o anche solo di neo cinquantenne, sia quello di mettere a loro disposizione le mie relazioni e l’esperienza maturata in questi anni, questo ritengo sia la parte che dobbiamo interpretare, essere a supporto della freschezza di idee che poco alla volta stanno emergendo.

Galleria fotografica

Articoli correlati