Possono essere aperti entrambi presso una banca, ma non sono la stessa cosa; stiamo parlando di due tipi di conti: il conto corrente e il conto deposito.

Le differenze e le caratteristiche rendono ognuno dei due più adatto al soddisfacimento di specifici bisogni; per questo, quando si decide di procedere all'apertura del conto corrente bancario oppure del conto deposito, vincolato o non vincolato, è molto importante sapere a cosa servono e come funzionano.

Conto corrente e conto deposito: somiglianze e differenze 

Conto corrente e conto deposito sono due strumenti finanziari che permettono di depositare del denaro presso la propria banca di fiducia. Entrambi i tipi di conto sono protetti dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi al quale tutte le banche Italiane sono obbligate ad aderire; questo fondo garantisce i risparmi del singolo fino a un massimo di 100000 euro e garantisce la restituzione del denaro in caso di fallimento dell'istituto bancario. In caso di conti cointestati, la somma viene moltiplicata per il numero di intestatari; per fare un esempio, se un conto è intestato a due coniugi, il Fondo tutela la somma depositata fino a un massimo di 200000 euro.

Le differenze tra conto corrente bancario e conto deposito sono più numerose rispetto alle somiglianze, ma quella principale riguarda le finalità dei due conti; mentre il primo è pensato per favorire la gestione del denaro e mette a disposizione del titolare del conto vari tipi di prodotti finanziari, come i bonifici e le carte di pagamento, il secondo è stato creato per fornire ai risparmiatori uno strumento finanziario che permetta loro di tenere ferma una somma di denaro per ottenere degli interessi.

Quando scegliere di aprire un conto corrente

Il conto corrente è oggi uno strumento irrinunciabile in quanto consente di accreditare lo stipendio e la pensione, e di ricevere ed effettuare pagamenti tramite bonifico, assegno o carta di pagamento. Questa tipologia di conto facilita anche il pagamento delle bollette o di altri pagamenti ricorrenti, grazie all'addebito diretto, e consente di tenere facilmente sotto controllo le proprie finanze e di verificando tutti i movimenti in entrata e uscita.

Le carte di pagamento, sia quelle di debito sia quelle di credito, facilitano i processi di pagamento e offrono uno strumento tracciabile e sicuro, oggi sempre più spesso utilizzabile anche online; chi vuole utilizzare denaro contante, ha la possibilità di prelevarlo presso uno sportello automatico.

Perché aprire un conto deposito

Mentre il conto corrente è la scelta giusta per chi è in cerca di uno strumento che gli permetta di gestire facilmente il proprio denaro e di effettuare vari tipi di operazioni, il conto deposito soddisfa le esigenze del risparmiatore che vuole tenere ferma una parte dei propri risparmi per poter godere degli interessi. Il conto deposito non permette di effettuare alcun tipo di operazione; il denaro può solo essere versato e, nel caso del conto non vincolato, anche ritirato; chi sceglie una forma di deposito vincolata, non potrà usare il denaro fino al termine del periodo pattuito.

Galleria fotografica

Articoli correlati