Il 2022  inizierà tra pochi giorni e, scrivo questa lettera perché l’anno nuovo è simile ad un libro di pagine bianche da riempire. Il nuovo anno ha in sé il bello dell’intonso, del nuovo, delle mille possibilità che ci si dispiegano davanti quando abbiamo la sensazione di avere tempo. Quella percezione che  ci pervade tutta la vita. Ogni volta che termina un anno e ne inizia uno nuovo sento nell’animo una briciola di nostalgia per tutte quelle cose che avrei voluto fare, e che non ho fatto. Capita anche a voi? Ma poi c’è il buon proposito di «fare di più» o «fare meglio» e tutto sembra possibile.

In realtà più che un proposito, mi piace che sia un progetto. E nei miei c’è sempre dei progetti al primo posto con  la voglia di vivere ogni istante del mio anno avendone piena consapevolezza. Non sono perfetto, ho molti difetti e limiti e ne sono consapevole dei miei umani limiti. Tuttavia amo il bello, la lentezza, la concretezza delle cose fatte per viverle davvero, e non semplicemente per dire che le ho fatte, guardandole in una fotografia. Certo voglio migliorarmi prendendo atto del cambiamento migliore che voglio essere, agendo con calma senza farmi prendere dalla frenesia di rincorrere l’onda perfetta che distoglie dal piacere del vivere il presente.

Non pensiate che io l’abbia capito subito, nella vita. Ho passato molti anni a rincorrere l’onda perfetta, ma con gli anni ho capito che la calma, riflessione e consapevolezza dei miei limiti, unito alla fede mi genere una grande forza interiore. Aristotele ha scritto: «Noi siamo ciò che facciamo ripetutamente», perciò l’eccellenza non è un atto ma un’abitudine!. Allora se corro sempre la vita scivola via con superficialità nelle azioni che compio, ma con passo lento, ammiro la bellezza del paesaggio, consapevole dove voglio arrivare. Per il 2022 il mio proposito è avere ogni giorno dell’anno colmo di buone abitudini, che facciano di ogni giorno, una giornata vissuta nel segno dell’eccellenza.

Per questo mi riprometto di ascoltare ed osservare di più le persone che incontro, senza aspettare gli eventi ma di agire con calma e buon senso per giungere con il risultato delle mie scelte all’obiettivo che mi sono ripromesso. Questi sono i miei semplici pensieri che mi rendono bella la vita. Festeggiamo e sorridiamo al nuovo anno! (dal blog di Giorgio Cortese)

Galleria fotografica

Articoli correlati