Mi sono ritrovato da solo sul ciglio della strada, pensavo fosse un gioco e che sarebbero venuti a riprendermi, ed invece no! Era una giornata di sole, questo si mi ricordo, poi è sopraggiunta la notte e c’è stato un forte temporale. Avevo paura, ero bagnato e affamato, tremavo tutto e ho iniziato a vagare per i boschi senza meta e sempre più spaventato. Per istinto evitavo le strade perché le auto sfrecciavano veloci ed avevo paura.

Dopo lungo peregrinare, pensavo di morire dalla fame e di lasciarmi andare in quel prato, ma li ho trovato un bambino che mi ha chiamato, non mi chiamava con il nome dei miei precedenti padroni, ma il tono della sua voce era sincero e affettuoso ed io lo subito adottato.

Adesso vivo con la nuova famiglia in una cuccia pulita e ben accudito nella verde campagna e ringrazio che sono stato trovato da delle brave persone con le quali ci siamo adottati a vicenda. Per favore non abbandonateci, siamo esseri viventi e non oggetti che potete riporre in un cassetto, siamo cani i vostri fedeli amici che non vi tradiscono mai! Bau! Bau! (blogi di Giorgio Cortese)

Galleria fotografica

Articoli correlati