FAVRIA - Il 2022 è appena trascorso e abbiamo raggiunto un risultato storico grazie alla generosità dei 384 donatori attivi negli ultimi 12 mesi con una raccolta complessiva di 613 sacche. Se pensiamo che nel 1988 il gruppo aveva raccolto, nel suo primo anno, 88 sacche e il muro delle 500 sacche è stato raggiunto, prima timidamente, nel 2013 con 504 sacche e poi sempre di più sino ad arrivare nel  2021 ben 553 sacche, che era già un risultato storico. 

I nuovi donatori sono stati 30. Tre in più rispetto ai 27 del precedente anno e 24del 2020.  Un grazie al direttivo, sempre generoso nel coordinare le donazioni, un grazie all’altruismo dei donatori, un grazie all’equipe medica Udr e un grazie al Centro incontri pensionati e Alpini che ci hanno ospitato per l’accettazione. 

Grazie cari soci, siete l’esempio concreto che con la concordia avete permesso di crescere perchè tutti credete nel fare del bene. Come gruppo Fidas abbiamo anche donato alla comunità di Favria un defibrillatore,  un apparecchio che rappresenta la migliore difesa contro l’arresto cardiaco improvviso e può salvare la vita se si interviene nell’immediatezza dell’evento. Il dispositivo è stato posizionato vicino al palazzo Municipale su di una parete della casetta dell’acqua comunale. L’auspicio è quello di non averne mai bisogno, ma sappiamo che questo strumento può davvero fare la differenza in situazioni di primo soccorso. Con questo gesto concreto vogliamo dare il nostro contributo per il benessere dei nostri concittadini. Come donatori crediamo ai due principi che sono alla base della convivenza civile, ovvero la tutela della vita e il mutuo soccorso. Viva la Fidas adsp Favria gruppo comunale D.Chiarabaglio-L.Tarizzo (Giorgio Cortese)

Galleria fotografica

Articoli correlati