I gatti da sempre affasciano noi umani. Se uno prova su internet a digitare la parola gatto, ne escono foto di ogni razza, di qualsiasi origine, colti in tante situazioni diverse. Per gli antichi egizi, il gatto era sacro ,uno sterminatore i topi; nel Corano è descritto come puro e in altre civiltà, viene trattato come compagno di caccia e come alleato dell’uomo.

Nel Medioevo, si fa immagine malefica e sinistra, alleato del diavolo, e perciò vittima di persecuzioni e pertanto andava cacciato. Progressivamente questa dimensione demoniaca cede il posto a un volto diverso. Il gatto indecifrabile, magico, flessuoso, selvaggio e ozioso, ma tenero con le persone che ama, ma sempre pronto a tirar fuori i suoi artigli, se necessario.

I gatti sono simili ai bambini teneri e capricciosi che cercano le coccole e si imbronciano e sono degli insostituibili amici di noi umani che gli abbiamo spalancato la porta della casa. I gatti  sono una metafora della vita: simili a noi e immersi in sogni senza fine. (blog di Giorgio Cortese)

Galleria fotografica

Articoli correlati