Giusto venerdi 19 novembre 2021 abbiamo pubblicato le lamentele di alcuni automobilisti che, sulla 460 del Gran Paradiso, nel tratto Leini-Caselle, si sono trovati immersi nella nebbia senza alcuna segnalazione sull'asfalto. Su quel tratto di strada, infatti (circa un chilometro e mezzo tra lo svincolo di Leini e l'ingresso nel raccordo per l'aeroporto di Caselle), l'ultimo ri-asfaltato dall'Anas nell'ambito di un grosso lavoro di riqualificazione della 460, nessuno si è ricordato di realizzare le strisce bianche. Nulla di preoccupante in condizioni meteo ottimali. Già meno divertente in caso di pioggia o nebbia.

Venerdì, dicevamo, abbiamo pubblicato l'appello degli automobilisti, forti di una contemporanea segnalazione all'Anas del pericolo potenzialmente provocato dall'assenza della segnaletica orizzontale in un lungo rettilineo dove è un attimo trovarsi sulla corsia sbagliata. Meno di 24 ore dopo, ovvero ieri mattina, sabato 20 novembre 2021, sono state prontamente realizzate le strisce bianche. Sia ai margini delle carreggiate, sia quella di mezzeria. 

La lettrice (molto attenta) che venerdi aveva segnalato il problema, ieri ci ha puntualmente contattato per fare un plauso alla tempestività. Sia dell'articolo che dei cantieri. Insomma, dalla segnalazione del pericolo ai lavori, è passato meno di un giorno. Un caso? Probabilmente si. Di solito non abbiamo questo «potere» e facilmente i cantieri erano già previsti. Tuttavia il plauso lo giriamo all'Anas (questa volta ci vuole) perchè dopo aver asfaltato gran parte del tratto di sua competenza (con un investimento di circa 3 milioni di euro) ha risposto al volo alle segnalazioni degli utenti che non hanno esitato a contattare il servizio clienti, oltre a QC, per sottolineare la pericolosità della strada senza segnaletica... In fondo è quello che gli automobilisti chiedono: un po' di attenzione.

Galleria fotografica

Articoli correlati