RIVAROLO - Sarà un 25 aprile diverso quello di quest'anno: non ci sarà la consueta manifestazione di piazza, ma non per questo non dobbiamo festeggiare, seppure a distanza, il giorno simbolo della sconfitta del regime nazi-fascista e della rinascita di un'Italia fondata sui valori della Resistenza.

La situazione attuale, difficile da immaginare solo qualche mese fa, ci fa riflettere sulla necessità di non dare per scontata la normalità: ci accorgiamo, solo oggi che ne siamo stati privati, dell'importanza di alcuni aspetti della nostra quotidianità, come l'uscire liberamente di casa, l'incontrare i nostri cari, l'andare a scuola o al lavoro.

Facciamo fortunatamente fatica a figurarci un Paese in cui non si possa esprimere liberamente il proprio pensiero o in cui sia possibile essere perseguitati per appartenere alla "razza" sbagliata. Ma questo è accaduto in Italia durante il Fascismo e accade ancora oggi, anche in Europa, dove i governi di alcuni Stati, approfittando dell'emergenza, chiedono e ottengono i pieni poteri.

Restiamo vigili, dunque, e festeggiamo il giorno della Liberazione! Anche da casa, anche a distanza, ma festeggiamo: lo dobbiamo agli uomini e alle donne che hanno combattuto, a costo della vita, per i nostri diritti e la nostra libertà. Nulla potrà farci perdere la voglia di celebrare la libertà, e ricordare coloro che han dato la vita per donarcela. Ed anche se non potremo scendere in piazza e per strada come ogni anno, ci troveremo insieme sul canale YouTube LIBERitutti. Viva L'Italia, viva la LIBERTÀ!

Galleria fotografica

Articoli correlati