E' tempo di Mostra della Ceramica a Castellamonte. Il tradizionale appuntamento con l'eccellenza artistica torna quest'anno dal 20 luglio al 4 agosto. E torna anche il concorso «Ceramics in Love» quest'anno nella versione «Two». Visto che si tratta del ritorno della manifestazione ma anche perchè il nuovo bando ha previsto due sezioni: arte e design. Una proposta sempre volta ad allargare gli orizzonti sulla contemporaneità dell'arte ceramica. Come l'anno scorso il curatore è Giuseppe Bertero che ha lavorato in questi mesi in stretta sinergia con il Comune e, in particolare, con il consigliere delegato alla cultura Claudio Bethaz e con il sindaco Pasquale Mazza.

Il concorso ha ottenuto un enorme successo. Le adesioni sono state 220. Ben 180 gli artisti selezionati dalla giuria nella prima fase del concorso. 120 le opere selezionate per la sezione arte. Sessanta quelle per la sezione design. Tutte le opere saranno esposte a palazzo Botton e al centro congressi Martinetti, anche quest'anno punti espositivi fondamentali per la Mostra della Ceramica. A fare da preambolo alla sezione design del concorso la presenza del liceo artistico Felice Faccio con la sua prestigiosa, storica e modernissima sezione ceramica. Il progetto didattico, infatti, si affianca creativamente al percorso della Mostra con un autonomo percorso di studio. «Gli artisti, provenienti da tutte le Regioni d'Italia e dall'estero, hanno rappresentato il tema del concorso con arguta intelligenza e con sicuro ingegno - spiegano i promotori dell'iniziativa - l'amore per l'arte della ceramica sempre attuale, coinvolgente e propositivo è evidenziato sia nelle opere intese come sculture, sia negli oggetti di prezioso design».

Ben 27 le nazioni rappresentate dagli artisti: Cina, Giappone, Messico, Brasile, Giordania, Israele, Slovenia, Croazia, Serbia, Ucraina, Francia, Spagna, Inghilterra, Belgio, Svizzera, Polonia, Turchia, Tunisia, Germania, Grecia, Cipro, Olanda, Ungheria, Finlandia e Stati Uniti. «Una mostra davvero internazionale, la più internazionale mai proposta fin qui a Castellamonte». Durante la mostra saranno come sempre presenti tutte le realtà della produzione ceramica di Castellamonte. Quindi non mancheranno le stufe, le ceramiche da indossare, le opere in terra rossa. L'esposizione comprende Palazzo Botton, il centro congressi Martinetti, il Cantiere delle Arti, la ditta La Castellamonte, la casa museo Allaira, la fornace Pagliero, le Ceramiche Castellamonte, le Ceramiche Camerlo e le Ceramiche Grandinetti.

La mostra sarà aperta ad ingresso libero dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 21. Il sabato e la domenica dalle 10 alle 21. Come per la precedente edizione nei giorni festivi e prefestivi è prevista una navetta per un sopralluogo ai suggestivi "castelletti" da dove si ricava la famosa argilla rossa di Castellamonte. Ad arricchire la rassegna culturale tantissimi appuntamenti collaterali, a cura delle associazioni del territorio, che saranno svelati nei prossimi giorni. La mostra sarà presentata ufficialmente giovedì 11 luglio in piazza Castello a Torino, sede della Regione Piemonte.

Galleria fotografica

Articoli correlati