Taglio del nastro, domani venerdì 29 agosto, per la 54 edizione della Mostra della Ceramica di Castellamonte, undicesima delle Arti Applicate. Ricca di novità e appuntamenti, la rassegna sarà come sempre volano della cultura, delle arti, della tradizione e della promozione turistica di questa porzione di territorio. Un appuntamento di prestigio riconosciuto a livello nazionale e internazionale che porrà l’accento sull’arte della ceramica per un mese (la mostra chiuderà i battenti il 21 settembre).

L’evento anche  quest’anno propone  opere di pregio, attraverso le tante mostre ospitate nei palazzi storici della città. Sei in totale i punti espositivi. Al museo della Ceramica luci puntate sull’artista Achille Perilli e sulla ceramica italiana nel Novecento (Achille Perilli ceramista. Segno e materia). L’esposizione, curata da Luca Barsi, presenta opere realizzate da alcuni tra i più importanti artisti del XX secolo. Un evento di interesse internazionale.  Quest’anno, inoltre, nell’antico Ingresso di palazzo Botton, in piazza Vittorio, ci sarà la possibilità di conoscere l’arte della ceramica romena (La Ceramica Nera di Marginea), mentre  il Castello di Castellamonte proporrà  una personale dell’artista Nino Ventura e ci introdurrà alla prestigiosa arte ceramica della Lituania. 

Grande attesa anche per “Terra che nutre”, mostra organizzata dagli artisti e artigiani locali al Centro Congressi Martinetti, dove troverà spazio il settore design, con le proposte degli architetti Davide e Gabriele Adriano, ideatori delle famose stufe Stack, premiate al “Compasso d’Oro ADI”. Una mostra che ben rappresenta il felice connubio tra arredo e ceramica, tra l’artigianato castellamontese e mondo dell’arredamento.

A Casa Gallo, in via Educ, saranno gli artisti Sandra Baruzzi, Roberto Castellano e Guglielmo Marthyn ad esporre le opere realizzate nel 2014 nel segno della ricerca e dell’innovazione nel contemporaneo. La Baruzzi presenterà l’inedita raccolta “Animale Abitare”, composta da una quindicina di opere, Castellano proporrà , nel giardino del palazzo, il suo Esercito di Terracotta, mentre Marthyn incanterà i visitatori con “Fiabe, Dame e Cavalieri”, 25 suggestive ceramiche di arte. Punto espositivo imperdibile sarà anche il Liceo “Faccio”, fucina di giovani talenti, anche quest’anno protagonista della manifestazione.

«Come sempre sarà una mostra di alto valore artistico, realizzata con cura e attenzione al territorio – ha precisato l’assessore Nella Falletti, anima e cuore di questo appuntamento che regala arte, bellezza e sogni – ringrazio tutti coloro che hanno permesso l’organizzazione di  questo evento e ovviamente gli artisti nazionali e internazionali che, con le loro opere, ci permettono di presentare una kermesse  di altissimo livello». Tra le sedi espositive private, inoltre, la Casa Museo Famiglia Allaira ospiterà alcune splendide sculture del “giardino privato” di Brenno Pesci.

L’appuntamento per l’inaugurazione della rassegna di arte e design è fissato alle 17, al Liceo artistico Felice Faccio. La lunga kermesse, inoltre, sarà arricchita, nel corso delle settimane, da una serie di imperdibili eventi collaterali. L’ingresso sarà gratuito e per ogni informazione è possibile rivolgersi al punto info del Centro Congressi Martinetti, in via Educ (335 1404689).

Mostra aperta il giovedì e il venerdì (dalle 16 alle 18), il sabato e la domenica con orario 10-13 e 14.30-19. 

Galleria fotografica

Articoli correlati