E’ anche «Made in Canavese» una delle rivelazioni dell’ultimo salone del libro di Torino: Il segreto di Castel Lupo. Si tratta di un libro interattivo illustrato, creato dalla casa di produzione Fix-a-bug. Una novità dal punto di vista grafico e tecnologico, capace di avvicinare nuovamente, attraverso il gioco, i giovani alla lettura. Una vera e propria new entry nel campo dell’editoria per ragazzi. Una “app” pensata per un pubblico di giovanissimi (target 8+), ma destinata ad attirare l’interesse anche di lettori più maturi, perché in grado di coniugare le storie classiche al linguaggio moderno dei videogame. 
 
A dar vita a questo interessante progetto, impreziosito da una vena di romanticismo che non guasta mai e da intenti didattici abbastanza seri, sono stati cinque ex adolescenti con un sacco di passioni in comune: i librogame di Lupo Solitario, i vecchi giochi per Amiga, le avventure grafiche della Lucasart, i cartoni animati giapponesi. Tra questi visionari fab five anche un canavesano doc, come Flavio Trione. Classe di ferro 1977, programmatore per talento e passione (nella foto è il primo a destra), il cuorgnatese “jacklafrutta”, come Flavio è conosciuto da tutti a UT, ha realizzato il sogno nel cassetto di dar vita ad un’azienda di amici. Missione compiuta con gli altri bug’s: Luca Blengino (nato nel 1978, scrittore di fumetti dal 2001 e di romanzi per ragazzi dal 2009), Alessandro Blengino (nato nel 1980, dal 2007 lavora in campo pubblicitario; dal 2010 disegna libri per ragazzi, fumetti, tavole da snowboard e molto altro), Paolo Manca (programmatore web da quando esiste il web, nato in Sardegna nel 1967 e trapiantato a Torino per inseguire la magia di un Commodore 64, che ancora possiede) e Paolo Nicoletti (nato nel 1972, programmatore e appassionato di cartoni animati e videogames).
 
Il risultato di questo affiatato team a cinque stelle è un innovativo “active book”, disponibile gratuitamente sull’Apple Store e su Google Play. Il segreto di Castel Lupo incoraggia i lettori/giocatori al ragionamento e alla riflessione. Qualità necessarie per risolvere gli enigmi interattivi e portare a termine un’avventura mozzafiato, ambientata in un antico castello nel cuore delle Alpi ricco di segreti e misteri da svelare. Per saperne di più non resta che scaricare l’app e giocare o informarsi sulla pagina Facebook IlSegretoDiCastelLupo.

Galleria fotografica

Articoli correlati