Dieci anni di sacrifici per trasformare un hobby in una passione vera e propria, fino a laurearsi campioni d'Italia. In municipio a Castellamonte il sindaco Pasquale Mazza ha premiato a nome di tutta la città Roberta Panero e Marco Guizzo, 51 e 55 anni, che la scorsa settimana, a Rimini, hanno conquistato il titolo di campioni italiani di ballo liscio unificato. «Un motivo di orgoglio per tutta la città», ha detto il sindaco consegnando alla coppia castellamontese un'opera in ceramica.

Assistente in uno studio dentistico di Rivarolo lei, odontotecnico lui, Roberta e Marco hanno deciso di condividere l'esperienza in pista una decina d'anni fa. «Abbiamo iniziato un corso di tango argentino a Ivrea - spiega Roberta Panero – ed è stata una mia idea. Lui non era convintissimo. Da allora non abbiamo più smesso». Il primo posto nella categoria 45/54 classe B3 di Rimini (massimo riconoscimento Italiano) non è la prima affermazione per la coppia, già più volte campione regionale.

E dal momento che non si tratta di un lavoro, ballare ad alti livelli significa anche molto sacrificio: «Bisogna allenarsi con costanza e dedizione - conferma Marco Guizzo - oltre agli allenamenti alla scuola di Villareggia per poter arrivare "preparati" al campionato di Rimini tutti i venerdi sera abbiamo frequentato delle lezioni supplementari a Milano. E' un sacrificio ma se non ti applichi non arrivi da nessuna parte».

Il ballo, quindi, come lezione di vita. «E’ uno sport a tutti gli effetti. Ci vuole preparazione e tenacia, curare tutti i dettagli, compresi e acconciature. La danza sportiva richiede grande concentrazione, allenamento fisico e muscolare».

Galleria fotografica

Articoli correlati