Si apre martedì 21, con la commedia francese «La Belle Époque» la seconda fase di «Due Città al Cinema». In cartellone ci sono 10 film. L’appuntamento è per ogni martedì, alle 21.30, al Cinema Margherita di Cuorgné dove sarà possibile acquistare l’abbonamento al prezzo di 25 euro, mentre gli ingressi singoli a 5. La fase iniziale dell’edizione numero 38 ha fatto registrare ottimi numeri. «Anche quest’anno - spiega il direttore artistico Santho Iorio - c’è stato un incremento degli abbonati e dei biglietti singoli, un dato che conferma la bontà dell’offerta e premia la formula della rassegna che negli anni ha saputo rinnovarsi, dando la possibilità al pubblico di fruire di pellicole recenti o appena usciti nelle sale cinematografiche. Con “Due Città al Cinema”  le città di Cuorgné e Rivarolo hanno un comune intento: quello di quello di strappare giovani e meno giovani dallo schermo di un pc o peggio di uno smartphone e godersi un bel film in un cinema vero e non virtuale».
 
Questi i titoli proposti che accompagneranno l’affezionato pubblico fino al 24 marzo
 
Martedi 21 gennaio
LA  BELLE ÉPOQUE 
Regia: Nicolas Bedos
Genere: commedia
È la storia di Victor, sessantenne disilluso, che disprezza il presente altamente tecnologico e incastrato in un rapporto di coppia ormai in crisi. L'uomo vede la sua vita sconvolta all'improvviso, quando l'imprenditore di successo Antoine gli offre una nuova e attraente distrazione. Mescolando spettacoli teatrali e ricostruzione storica, l'azienda permette ai suoi clienti di tornare indietro nel tempo in un'epoca da loro scelta. Victor sceglie di rivivere la settimana più importante della sua vita, quella del 16 maggio 1974, quarant'anni prima infatti aveva conosciuto la donna della sua vita, Marianne, in un café di Lione.
 
Martedi 28 gennaio
GRAZIE A DIO
Regia: François Ozon
Genere: drammatico
Alexandre vive a Lione con la sua famiglia. Un giorno viene a sapere che il prete che abusava di lui quando faceva parte del gruppo degli scout officia sempre a contatto con i bambini. Inizia allora la sua personale battaglia con l'aiuto di François ed Emmanuel, anch'essi vittima del sacerdote, per raccontare le responsabilità del prete. Col passare del tempo e con l'aumento del numero delle vittime del sacerdote che decidono di venire allo scoperto si forma un associazione che decide di costituirsi in giudizio legale.
 
Martedi 4 febbraio
DIO E’ DONNA E SI CHIAMA PETRUNYA
Regia: Teona Strugar Mitevska
GENERE: Drammatico
Petrunija è laureata in storia, ha 32 anni, vive nella cittadina macedone di Štip e non ha un'occupazione. Rientrando verso casa dopo un colloquio di lavoro andato male, si ferma ad assistere a una cerimonia ortodossa per le strade. Il rituale prevede che il prete getti una piccola croce nel fiume e che gli uomini si precipitino a recuperarla. Petrunija, vicina alla riva, vede che nessuno raggiunge l'oggetto sacro e si tuffa a recuperarlo. Ne nasce una rissa per strapparle la croce di mano e, più tardi, la giovane è portata al posto di polizia per essere interrogata su un gesto che è stato filmato e il video è diventato popolare in internet, attirando l'attenzione della giornalista di una televisione nazionale.
 
Martedi 11 febbraio
L’ETA’ GIOVANE
Regia: Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne
GENERE: Drammatico
Ahmed ha 13 anni ed è entrato nella spirale dell'integralismo musulmano grazie all'indottrinamento di un imam che, tra le altre cose, gli ripete che la sua insegnante di lingua araba, anch'essa musulmana, è un'apostata. Ahmed che venera un cugino martire dell'Islam, decide allora di procedere autonomamente e di passare all'azione nei suoi confronti.
 
Martedi 18 febbraio
UN GIORNO DI PIOGGIA A NEW YORK
Regia: Woody Allen
GENERE: commedia
Gatsby e Ashleigh hanno deciso di trascorrere un fine settimana a New York. Lui viene da New York e non vede l'ora di mostrare alla fidanzata la sua città natale e lo charme vintage dei suoi luoghi di predilezione. Lei viene da Tucson, Arizona, e si occupa del giornale della modesta università dove si sono incontrati. Élite urbana e provinciale, Gatsby e Ashleigh sono complementari e innamorati. Ma non basta, soprattutto a New York in un giorno di pioggia che rovescia acqua e destini.
 
Martedi 25 febbraio
IO, LEONDARDO 
Regia: Jesus Garces Lambert 
GENERE: biografico
Pensatore, studioso, matematico, letterato, scienziato, fisico, paesaggista, geografo, urbanista, artista... Jesus Garces Lambert sceglie di raccontare Leonardo Da Vinci come un uomo fuori dal suo tempo - nonostante il costume cinquecentesco un po' trasandato e i lunghi capelli, come l'estetica del tempo richiedeva - in relazione a un contesto difficile da affrontare per l'eterno conflitto tra la sua mente in costante ricerca e le richieste dei committenti. "Io, Leonardo" si focalizza in particolare sul Da Vinci pittore, passando in rassegna alcune tra le più importanti committenze, soprattutto quelle milanesi, che il genio toscano ha avuto durante il suo percorso.
 
Martedi 3 marzo
RITRATTO DELLA GIOVANE IN FIAMME
Regia: Céline Sciamma 
GENERE: drammatico
Francia, 1770. Marianne, una pittrice, riceve l'incarico di realizzare il ritratto di nozze di Héloise, una giovane donna appena uscita dal convento. Lei però non vuole sposarsi e quindi rifiuta anche il ritratto. Marianne cerca allora di osservarla per poter comunque adempiere al mandato. Scoprirà molte cose anche su di sé.
 
Martedi 10 marzo
TUTTO IL MIO AMORE FOLLE
Regia: Gabriele Salvatores
GENERE: drammatico
Trieste. Vincent ha 16 anni e un grave disturbo della personalità, con il quale sua madre Elena si confronta da sempre. Col tempo ad aiutare Elena nell'impresa è sopraggiunto suo marito Mario, che ha imparato a voler bene a Vincent come ad un figlio e l'ha adottato legalmente. Ma quando sulla scena irrompe Willi, il padre naturale del ragazzo che ha abbandonato lui ed Elena alla notizia della gravidanza, quel poco di equilibrio che si era instaurato con un figlio gestibile a stento si rompe, e Vincent trova la via di fuga che cercava: si infila nel furgone di Willi, cantante da matrimoni e da balere soprannominato "il Modugno della Dalmazia", ora diretto verso una tournée nei Balcani.
 
Martedi 17 marzo
PARASITE
Regia: Bong Joon-ho
GENERE: drammatico
Ki-woo vive in un modesto appartamento sotto il livello della strada. La presenza dei genitori, Ki-taek e Chung-sook, e della sorella Ki-jung rende le condizioni abitative difficoltose, ma l'affetto familiare li unisce nonostante tutto. Insieme si prodigano in lavoretti umili per sbarcare il lunario, senza una vera e propria strategia ma sempre con orgoglio e una punta di furbizia. La svolta arriva con un amico di Ki-woo, che offre al ragazzo l'opportunità di sostituirlo come insegnante d'inglese per la figlia di una famiglia ricca: il lavoro è ben pagato, e la villa del signor Park, dirigente di un'azienda informatica, è un capolavoro architettonico. Ki-woo ne è talmente entusiasta che, parlando con la signora Park dei disegni del figlio più piccolo, intravede un'opportunità da cogliere al volo, creando un'identità segreta per la sorella Ki-jung come insegnante di educazione artistica e insinuandosi ancor più in profondità nella vita degli ignari sconosciuti.
 
Martedi 24 marzo
SORRY WE MISSED YOU
Regia: Ken Loach
GENERE: drammatico
Ricky, Abby e i loro due figli, l'undicenne Liza Jane e il liceale Sebastian, vivono a Newcastle e sono una famiglia unita. Ricky è stato occupato in diversi mestieri mentre Abby fa assistenza domiciliare a persone anziane e disabili. Nonostante lavorino duro entrambi si rendono conto che non potranno mai avere una casa di loro proprietà. Giunge allora quella che Ricky vede come l'occasione per realizzare i sogni familiari. Se Abby vende la sua auto sarà possibile acquistare un furgone che permetta a lui di diventare un trasportatore freelance con un sensibile incremento nei guadagni. Non tutto però è come sembra.

Galleria fotografica

Articoli correlati