FAVRIA - Arriva dal Canavese il più apprezzato sommelier coach d’Italia e a livello internazionale. Si tratta di Enrico Mazza. Il favriese coniuga alla perfezione la concretezza del marmo, che caratterizza la ditta di famiglia in cui ha mosso i primi passi lavorativi dopo gli studi al Liceo Aldo Moro di Rivarolo e all’Università di Torino, e la fantasia e l’estro del mondo della moda e del design che l'hanno visto protagonista anche come stilista e titolare di uno showroom in via della Spiga a Milano. Tutto questo e molto altro è Enrico che vanta nel curriculum le menzioni di produttore ed esperto di Marketing online e di Champagne a livello internazionale, Chevalier du Champagne, Maître Sabreur, Public Speaker e profondo conoscitore del mondo del lusso in tutte le sue sfaccettature.

«Sono realtà diverse, ma tutte accomunabili da un invisibile fil rouge che le unisce e ha il sapore delle emozioni da vivere pienamente e fino in fondo – spiega Enrico Mazza – La mia avventura è partita dal Canavese, a cui resto molto legato, dall’azienda di famiglia e dalla decisione di staccarmi ad un certo punto anche fisicamente da essa per intraprendere un mio percorso diverso. Un cammino che mi ha portato a creare un mio brand nel mondo della moda, allo showroom milanese, alla soddisfazione di vincere premi importanti e alle sfilate a Taormina in diretta su Rai1».

Nel 2019 l’ennesima svolta con la nascita di «Sommelier coach»: «E’ un mondo iperarticolato – commenta Mazza – Abbiamo creato questa azienda da zero con Gennaro Buono, sommelier professionista, campione Italiano nel 2012 e tra i primi 30 migliori sommelier del mondo oltre che consulente per diverse attività alberghiere di lusso e per ristoranti stellati, coach e trainer nel mondo del vino. Siamo i primi al mondo ad abbinare la formazione sul vino alla crescita personale. Tutti i nostri corsi sono via internet».

Una novità assoluta frutto di anni di studio e di ricerca, affinati e testati su migliaia di corsisti, alcuni dei quali oggi ricoprono ruoli di grande responsabilità: direttori di catene alberghiere di lusso, responsabili food&beverage, chef,  sommelier e maître di ristoranti stellati, wine blogger famosi. Le novità non finiscono qui rivela Enrico Mazza: «Abbiamo anche avviato un Sensory Campus, che è già alla sua seconda edizione ed è un’accademia riconosciuta e a numero chiuso con studenti provenienti da tutto il mondo. In cantiere c’è già anche il nuovo progetto che riguarda un format enogastronomico di cui però non posso dire ancora nulla di più».

Mai fermarsi, ecco il segreto del successo per Enrico, che vive da un paio d’anni a La Spezia: «Muoversi sempre è l’unico modo per inseguire e realizzare i propri sogni. E’ giusto farlo perché la vita è una sola e va vissuta al massimo. Ai giovani di oggi dico che bisogna ponderare i propri obiettivi. Ma poi c’è bisogno di un “perché” fortissimo alla base di quello che vogliamo. Bisogna ricordarcelo sempre il motivo che ci ha spinti a darci da fare e se non basta scriverlo in un foglietto e tirarlo fuori per rileggerlo quando arriveranno gli ostacoli che inevitabilmente la vita ci presenta davanti. I due errori da non fare assolutamente sono: non “partire” per un'avventura e non andare in fondo ad essa. Non bisogna aver paura di fare e strafare».

Galleria fotografica

Articoli correlati