«La scuola chiama. Tornerò tra i banchi con i miei ragazzi. Ringrazio i miei genitori per tutto quello che mi hanno dato e per la persona che sono. Mio fratello e mia sorella per completare la famiglia». Con queste semplici parole Niccolò Pagani, giovane docente della Scuola Media Don Bosco di San Benigno Canavese, ha scelto di abbandonare a sorpresa la trasmissione Rai «L'Eredità». Da campione, dopo undici puntate come «primo della classe». A margine dell'addio alla trasmissione, grazie alla sensibilità del conduttore Flavio Insinna, il professor Pagani, attraverso i social, ha dedicato un discorso ai suoi allievi. Insinna lo ha postato su Facebook ed è diventato immediatamente virale.
 
«Sono le due di notte. Non riesco a dormire e ripenso a questa esperienza. Sono state giornate magnifiche quelle vissute qui. Intense e spensierate. Lascio questo studio da concorrente e da uomo felice, grato di aver vissuto un'avventura entusiasmante ma consapevole che, come professore, sto tornando sulla strada maestra, quella prediletta. Perchè, in fondo, il mio posto è là, tra i miei ragazzi. Ogni mattina in prima linea nella missione quotidiana dell'educazione e dell'onestà. 
 
Dimostrando ai giovani anche grazie a questo programma che la gentilezza vince sulla violenza, la cultura vince sull'ignoranza, il sorriso sconfigge la rabbia e l'ironia batte l'odio, insegnando loro a non impugnare i coltelli ma i libri, a sostituire gli spintoni con gli abbracci. Soprattutto questo è il compito, preziosissimo e fragile, della scuola. E come ogni creatura fragile, anche la scuola va protetta e curata. 
 
Per questo starò sempre dalla parte di quegli insegnanti preparati e costanti che ogni giorno con amore fanno questo mestiere. A cominciare da tutti i miei colleghi di San Benigno Canavese. Quando tornerò a scuola avrò nella mia valigia una storia in più da raccontare ai miei studenti». 
 
Il messaggio del professore di San Benigno ha colto nel segno. Il video è diventato virale grazie a Flavio Insinna e il suo scritto per gli allievi è stato anche oggetto, ieri mattina, del fondo di Massimo Gramellini sulle pagine del Corriere della Sera.

Galleria fotografica

Articoli correlati