Capolavoro. Joker interpretato da Joaquin Phoenix è follia allo stato puro che ti pietrifica sin dalla prima scena. Un mostro (di bravura) con una risata che spaventa, inquieta e terrorizza. Ogni sua singola risata è una richiesta di aiuto, ogni passo di danza un ulteriore avvicinamento alla follia. Vincitore del Leone d’oro all’ultima kermesse veneziana, campione d’incassi in
Italia, il film diretto da Todd Phillips si prepara ora alla corsa per gli Oscar, dove, quasi certamente, Phoenix, grazie all’incarnazione del dolore di Joker, riceverà la quarta nomination della carriera dopo quelle con “Il gladiatore”, “Quando l’amore brucia l’anima” e “The Master”.

La vicenda di questo Joker, chiamato Arthur Fleck, è ambientata nella Gotham City degli anni ’80, dove vive con l’anziana madre in un palazzone fatiscente e sbarca il lunario facendo pubblicità per strada travestito da clown, in attesa di realizzare il sogno di diventare un comico. Emarginato, ignorato, deriso da chiunque, l’uomo è affetto da un tic nervoso che lo fa ridere in maniera inquietante e incontrollata nei momenti meno opportuni e gli rende ancora più difficile ogni relazione sociale. Un giorno Arthur, stanco delle prepotenze subite, reagisce violentemente, spara ad un uomo, e mentre la polizia di Gotham City dà la caccia al clown killer, la popolazione lo elegge a eroe metropolitano, simbolo della rivolta degli oppressi contro l’arroganza dei ricchi.

Phillips realizza un film autoriale che non strizza l’occhio alle logiche commerciali dei blockbuster, che si allontana dagli altri film della DC. Il regista statunitense ci presenta una città moribonda, terreno fertile per il fiorire della violenza e della follia. Metafora estremizzata del senso di deprivazione in una società che ci vuole sempre efficaci e sorridenti, creando un livello di sofferenza che diviene sempre più nascosto e potenzialmente esplosivo. “Joker” è un thriller drammatico e neo-noir; cupo, crudo, realistico, che ha come protagonista un depresso, psicopatico, violento. Ma il personaggio è molto più complesso, più reale.

L’Arthur che conosciamo all’inizio del film pazzo non lo è affatto, ma “semplicemente” malato e vittima di una società (e una madre) che lo ha alienato, lasciandolo solo con la sua lotta alla ricerca di calore umano. L’opera di Phillips fa storia a sé: è un Cinecomic ma non è un Cinecomic. Non è solo un fantastico film basato su un personaggio dei fumetti; è un fantastico film, punto. (Santho Iorio)

GENERE: Drammatico, Thriller, Cinecomic
ANNO: Usa 2019
REGIA: Todd Phillips
ATTORI: Joaquin Phoenix , Robert De Niro , Zazie Beetz , Frances Conroy , Brett
Cullen , Glenn Fleshler , Bill Camp , Shea Whigham , Marc Maron
DURATA: 123 min.

I film in programma in Canavese

Cinema MARGHERITA Cuorgnè (via Ivrea 101)
“MALEFICENT SIGNORA DEL MALE”
Sabato 19: ore 18:30 (3D) - 21:15 (2D)
Domenica 20: ore 15:00 - 17:15 (3D) - 21:15
Lunedi 21: ore 21:15 (prezzo ridotto)

AMBRA 1 Valperga
“JOKER”
Sabato 19: ore 17:30 - 20:00 - 22:30
Domenica 20: ore 16:00 - 18:30 - 21:00
Lunedì 21: ore 21: (prezzo ridotto)
AMBRA 2 Valperga
“GEMINI MAN”
Sabato 19: ore 20:00 - 22:00
Domenica 20: 18:30 - 21:00
“A SPASSO COL PANDA”
Sabato 19: ore 18:00
Domenica 20: ore 16:30

Cinema BOARO Ivrea (via Palestro 86)
“MALEFICENT SIGNORA DEL MALE”
Sabato 19: ore 17:00 - 19:30 - 22:00
Domenica 20: ore 16:00 - 18:30 - 21:00
Lunedi 21: ore 18:30 - 21:00

Cinema POLITEAMA Ivrea (via Piave 3)
“JOKER”
Sabato 19: ore 20:00 - 22:20
Domenica 20: ore 16:00 - 18:30 - 21:15
Lunedi 21: ore 20:00 - 22:20
Martedì 22: ore 20:00- 22:20

Cinema Parrocchiale di Leini (Piazza Don Matteo Ferrero 2 – Leini)
“IL RE LEONE”
Sabato 19: ore 21:00
Domenica 20: ore 18:00

Galleria fotografica

Articoli correlati