La trilogia d’u pilu si conclude con «Cettò c’è, senzadubbiamente». Antonio Albanese torna sul grande schermo nei panni del fulmicotonico Cetto La Qualunque. Diretto nuovamente, come nei precedenti “Qualuquemente” (2011) e “Tutto tutto niente niente” (2012), da Giulio Manfredonia, ritroviamo  l'imprenditore calabrese, corrotto, razzista e sessuomane in Germania, a gestire una redditizia catena di pizzerie, dopo aver abbandonato la politica. Ricevuta la notizia che l’amata zia sta morendo, lascia la figlia ai suoceri neonazisti e, con la bella moglie tedesca, si precipita al suo capezzale, a Marina Di Sopra in Calabria dove ora è sindaco suo figlio Melo. Qui l’anziana morente gli rivelerà di essere stato concepito durante una lontana scappatella della madre ricamatrice con un principe del ramo Buffo di Calabria.

Scopertosi quindi ultimo erede dei Borbone, Cetto è pronto a trasformare la Repubblica italiana in una nuova monarchia: «ì’nto culo a Cavour!» è il grido di battaglia, perché «È la minchiata giusta, al momento giusto!». È evidente che il regista realizza l’ennesimo film ironico, specchio dell’attuale situazione politica italiana e non. Critica il sovranismo dilagante in Europa, e lo interpreta in senso così stretto da trasformare Cetto in un paradossale sovrano. Non mancano neanche i riferimenti a Salvini, Berlusconi e a certi giovani politici di sinistra, compresa la piattaforma Rousseau.

Tra realismo e assurdità assoluta, a distanza di anni, il personaggio di Cetto La Qualunque funziona ancora, perché riesce a incarnare la natura di noi italiani, ciclicamente avvezzi ad affidarsi a uomini della provvidenza: «Gli italiani sono così bravi a seguire chi abbaia. E io abbaio benissimo». Ogni riferimento a persone o formazioni politiche realmente esistenti è puramente voluto. Senzadubbiamente. (Santho Iorio)

GENERE: commedia
ANNO: Italia 2019
REGIA: Giulia Manfredonia
ATTORI: Antonio Albanese, Nicola Rignanese, Caterina Shulha, Gianfelice Imparato, Davide Giordano, Lorenza
DURATA: 93 min.

I film in programma in Canavese

Cinema MARGHERITA Cuorgnè (via Ivrea 101)
“LE MANS 66 - LA GRANDE SFIDA”
Sabato 23: ore 21:15
Domenica 24: ore 17:30 - 21:15
Lunedi 25: ore 21:15 (prezzo ridotto)
“AILO - UN AVVENTURA TRA I GHIACCI”
Sabato 23: ore 17:30 - 19:00
Domenica 24: ore 14:30 - 16:00

AMBRA 1 Valperga
“CETTO C’E’, SENZADUBBIAMENTE”
Sabato 23: ore 18:00 - 20:00 - 22:15
Domenica 24: ore 15:00 - 17:15 - 19:30 - 21:30
Mercoledì 25: ore 21:00
AMBRA 2 Valperga
“L'UFFICIALE E LA SPIA”
Sabato 23: ore 18:00 - 21:15
Domenica 24: ore 16:00 - 18:30 -21:00
Lunedì 25 ore 21:00 (prezzo ridotto)

Cinema BOARO Ivrea (via Palestro 86)
“CETTO C’E’, SENZADUBBIAMENTE”
Sabato 23: ore 16:00 - 18:00 - 20:00 - 22:00
Domenica 24: ore 16:00 - 18:00 - 20:00 - 22:00
Lunedi 25: ore 20:00 - 22:00

Cinema POLITEAMA Ivrea (via Piave 3)
“L’UFFICIALE E LA SPIA”
Sabato 23: ore 17:30 - 20:00 - 22:30
Domenica 24: ore 16:00 - 18:30 - 21:00

Cinema Parrocchiale di Leini (Piazza Don Matteo Ferrero 2 – Leini)
“SE MI VUOI BENE”
Domenica 24: ore 18:00

Galleria fotografica

Articoli correlati