Dalle prime luci dell’alba di oggi, militari appartenenti al comando provinciale di Torino della guardia di finanza stanno eseguendo otto ordinanze di custodia cautelare in carcere, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia torinese, nonché sequestri di beni sul territorio nazionale, nei confronti di soggetti legati alla 'ndrangheta radicati nel territorio di Carmagnola ed operanti a Torino.

Tra le condotte illecite, oltre all’associazione per delinquere di stampo mafioso e reati fiscali per 16 milioni di euro, è stato contestato anche il reato di scambio elettorale politico-mafioso.

C’è anche l’assessore della Regione Piemonte Roberto Rosso, esponente di Fratelli d’Italia, tra le persone arrestate. Al politico viene contestato il reato di scambio elettorale politico-mafioso. Secondo gli inquirenti, Rosso che è stato anche deputato per cinque legislature e due volte sottosegretario, avrebbe chiesto aiuto alla criminalità organizzata per essere eletto alle ultime elezioni regionali.

Galleria fotografica

Articoli correlati