Il castello «sfratta» lo storico Carnevale di Agliè ed è di nuovo polemica sui rapporti tra il paese e il monumento simbolo di tutta la zona. Si è fatto un gran parlare, in questi anni, di come unire la presenza del castello ducale ad un'adeguata promozione del borgo che lo ospita. Anni di progetti, però, rischiano di andare in frantumi dopo l'ultimo episodio: la direzione regionale, che per conto del Ministero dei beni culturali gestisce la residenza di casa Savoia, ha chiesto un affitto fuori scala per ospitare, domenica pomeriggio, la presentazione dei Conti di San Martino, personaggi principali del carnevale di Agliè. Una tradizione, quella della presentazione in Castello, venuta meno per questioni economiche: i Conti, alla fine, sono stati presentati dal balcone del municipio (video e link sotto). Poco male, ovviamente. Ma non sono mancate le perplessità.

E se dalla direzione del castello, per ora, non arrivano commenti in merito, si sa che agli organizzatori del carnevale è arrivata una richiesta in denaro di 5/600 euro per affittare il salone al piano terra per non più di un'ora. Cifra esorbitante, vista anche la durata della presentazione dei Conti che si sarebbero poi affacciati su piazza castello. Inaccettabile, oltretutto, perchè il carnevale, così come quasi tutte le manifestazioni di Agliè e dintorni, si basa solo ed esclusivamente sul volontariato. «Purtroppo si è interrotta una tradizione che andava avanti senza problemi da tanti anni - dice in merito il sindaco Marco Succio - e sinceramente siamo molto rammaricati perchè, in questi anni, si è lavorato tanto per unire il borgo al castello. Alcune situazioni, purtroppo, minano tutto il lavoro svolto fin qui».

Il sindaco chiederà a breve un incontro con la direzione regionale per fare chiarezza sull'accaduto e valutare eventuali strategie. Ad Agliè sono molteplici le manifestazioni che richiamano turisti anche grazie al castello. E, viceversa, in virtù, ad esempio, dei tagli al personale, spesso il castello ha garantito la propria apertura anche grazie ai volontari della Pro loco di Agliè. Non trovare una quadra, insomma, andrebbe a discapito di tutti. Problemi simili, negli anni scorsi, si erano già presentati (prima per il carnevale e poi anche per il luna park della festa patronale). Il lungo lavoro delle diplomazie (e il cambio di alcune figure in castello) aveva poi risolto le questioni. Succederà anche questa volta? Per ora «Elisa di Rivombrosa» ha sfrattato i Conti di San Martino.

Galleria fotografica

Articoli correlati