BOLLENGO - Intervento di manutenzione straordinaria per il capannone Pluriuso di Bollengo. Realizzato alla fine degli anni '90 con un finanziamento dei mondiali di calcio del 1990 dalla amministrazione del sindaco Giampiero Stratta, la struttura incominciava ad avere necessità di una manutenzione straordinaria in particolatre per quanto riguardava la copertura, che presentava uno stato di degrado in atto evidenziato da alcune lastre danneggiate.

«Abbiamo ottenuto - dichiara il sindaco Luigi Sergio Ricca -  un finanziamento dalla Regione Piemonte di 131.000 euro, con il quale, con l'aggiunta di un cofinanziamento sul Conto Termico di altri 30.000 euro circa, si è prevista la realizzazione di una nuova copertura caratterizzata da un elevato standard di isolamento termico, grazie all'utilizzo di pannelli isolanti a basse conducibilità termica, previa la posa di una guaina impermeabilizzante con duplice funzione di barriera al vapore».

Si sono inoltre sostituiti i serramenti delle finestrature esistenti con nuovi, aventi prestazioni termiche elevate, unitamente alla realizzazione delle necessarie schermature solari. In corso d'opera, grazie ad un ulteriore finanziamento ottenuto dallo Stato di 50.000 euro, si è completata l'opera di efficientamento energetico con la realizzazione di un cappotto esterno alla struttura, con lastre in polistirene espanso sintetizzato, e l'esecuzione di un rivestimento di finitura colorato a protezione degli strati sottostanti.

«Alla fine, conclude il sindaco, avremo una struttura anche esteticamente più bella, oltre che con consumi energetici più contenuti. Il Comune spenderà meno e saranno ridotti i costi di gestione e manutenzione complessivi. L'intervento di efficientamento energetico non è un fatto isolato, ma parte di una politica che l'Amministrazione ha
da qualche tempo in atto, con la sostituzione degli apparecchi di illuminazione con fari a LED, la sostituzione dell'impianto di riscalamento del Municipio, cui seguirà a breve la sostizione delle caldaie degli edifici scolastici. Il tutto con l'utilizzo di contributi regionali o statali e quindi senza intaccare le risorse comunali».

Galleria fotografica

Articoli correlati