Nella mattinata di ieri, martedì 17 dicembre 2019, il sindaco di Borgaro, Claudio Gambino, ha ricevuto e incontrato una delegazioni di borgaresi che fruiscono quotidianamente degli autobus gestiti dall’azienda privata Sadem e che dallo scorso 8 dicembre si sono ritrovati con un drastico cambiamento degli orari della linea Caselle Aeroporto-Torino, con la nascita del servizio «Express», che non passa dai centri abitati di Caselle e Borgaro.
 
«E’ una situazione che stiamo seguendo da vicino e con molta attenzione - commenta il primo cittadino - le criticità sono molteplici e riguardano in particolar modo le corse che da Torino sono dirette a Caselle. Questo perché sugli autobus non Express salgono anche chi vuole raggiungere l’aeroporto Sandro Pertini, portando a sovraffollamenti e a disagi su tutte le corse. A cui si sommano anche i ritardi e il dimezzamento delle corse nei giorni di sabato e domenica, creando ulteriori disagi nella cittadinanza».
 
Per tutelare i lavoratori e gli studenti, il sindaco Gambino, assieme al sindaco di Caselle, Luca Baracco, si recheranno all’Agenzia della Mobilità Piemontese a inizio anno nuovo «per cercare di trovare una soluzione che vada bene agli utenti e alla stessa Sadem. Così com’è attualmente non ha una logica. La razionalizzazione delle corse non può andare a danneggiare chi fruisce della linea per recarsi a lavoro o a scuola con questa azienda», conclude Gambino. Nel frattempo, giovedì sera, Borgaro e Caselle discuteranno in consiglio comunale due ordini del giorno sul tema.

Galleria fotografica

Articoli correlati