BORGARO - Chiude la piscina affidata alla polisportiva Uisp River Borgaro. E' stata la stessa società a comunicarlo dopo la riunione del direttivo. Colpa di una grave carenza di liquidità dovuta alla chiusura degli impianti gestiti a causa del covid (oltre a Borgaro anche Ciriè e Robassomero). «La situazione economica non consente la ripresa della normale attività», conferma la società sportiva. Le richieste di mutui non hanno avuto esito positivo e i contributi arrivati da Regione e Stato non hanno mutato la situazione complessiva. La piscina estiva di Borgaro resterà aperta fino al 13 poi chiuderà definitivamente i battenti.

«Con tristezza nel cuore e ringraziando tutti coloro che ci hanno fornito il loro prezioso aiuto, siamo costretti a tenere chiusi gli impianti sportivi a noi affidati e a sospendere ogni attività a tempo indeterminato», fa sapere il direttivo della Uisp River Borgaro.

Furente il sindaco di Borgaro, Claudio Gambino: «Prendiamo atto della scorrettezza, dell’incapacità e della superficialità del direttivo della River e della Presidente, che ha reso nota la situazione economica e la chiusura della piscina e del palazzetto, due strutture sportive cruciali per la pratica dello sport nella nostra Città, attraverso uno scarno comunicato su Facebook. Una situazione così complessa avrebbe richiesto un atteggiamento differente da delle persone che negli ultimi 10 anni avevano ricevuto la fiducia da parte dei Comuni interessati e di centinaia di famiglie e atleti. Ovviamente il nostro obiettivo è quello di riaprire le strutture prima possibile, seppur saranno necessari i tempi tecnici per la rescissione dei contratti e soprattutto per attivare le procedure legali necessarie a tutelare gli interessi del Comune, richiamando la River e il suo direttivo alle proprie responsabilità nelle sedi giudiziarie opportune».

Galleria fotografica

Articoli correlati