Un investimento di 150 mila euro per la nuova rotonda in borgata Vittoria, al confine tra Rivarolo Canavese e Bosconero. Progetto presente, lavori già appaltati (alla ditta Bua Costruzioni di San Benigno Canavese). E' la volta buona: entro fine febbraio partiranno i lavori per la tanto attesa rotatoria all'ingresso di Bosconero. Andrà ad eliminare un maledetto incrocio già teatro di innumerevoli incidenti stradali, alcuni di questi anche gravi. E, lungo la Sp460 del Gran Paradiso, la nuova rotonda servirà anche a spezzare la velocità dei veicoli in transito, oltre a dare maggiore sicurezza a chi abita nella borgata. Questa mattina i tecnici della Città metropolitana di Torino, insieme alla ditta che ha vinto la gara d'appalto, hanno effettuato un lungo sopralluogo durante il quale il consigliere delegato Antonino Iaria ha anche incontrato i residenti della zona.

«E' stato fatto un grosso lavoro dai tecnici della Città metropolitana per portare avanti i progetti di quest'opera viaria - spiega Iaria - passiamo dalle parole ai fatti, come in tante altre situazioni in provincia. Merito del nuovo approccio ai lavori pubblici che l'amministrazione, in questo caso gialloverde, ha deciso di adottare». Presente al sopralluogo anche il consigliere della Lega, Mauro Fava: «Questa è la dimostrazione che lavorando per il territorio si ottengono dei risultati. Questa rotonda era attesa da decenni. Ora finalmente partiamo con i lavori».

Il cantiere durerà novanta giorni e, salvo imprevisti legati al meteo, potrà partire con gli scavi già a fine febbraio. La rotonda, definitiva, sarà dotata anche di una nuova illuminazione che darà un nuovo volto all'ingresso per Bosconero, anche in termini estetici. Al sopralluogo presenti anche le amministrazioni di Rivarolo e Bosconero che a lungo hanno sollecitato la Città metropolitana. «Il confronto con i sindaci del territorio è stato fondamentale per identificare alcune priorità d'intervento - spiega Iaria - mettendo insieme i dati sugli incidenti, costo delle opere e anni di attesa, abbiamo stilato una lista dei lavori sui quali investire in breve tempo. E' un modo innovativo per gestire le priorità e le segnalazioni che arrivano da tutto il territorio torinese».

Galleria fotografica

Articoli correlati