I sindaci e gli assessori dei Comuni di Trofarello, San Benigno Canavese, Castellamonte, Rivarolo, Cuorgnè, Favria, Bosconero, Feletto, Chieri, Alpette, Sparone, Pont Canavese, Volpiano, Bosconero, insieme ai rappresentanti dei pendolari hanno interloquito a lungo con l’assessore regionale Marco Gabusi, Gtt, Rfi e Agenzia della mobilità piemontese evidenziando le tematiche più urgenti, dai ritardi alle soppressioni dei treni, dal materiale rotabile ai passaggi a livello, dalla comunicazione alle difficoltà degli utenti.  

«Le notizie che ho dato oggi – ha commentato l’assessore Gabusi – rappresentano un piccolo miglioramento, ma ci aspettiamo molto di più dal passaggio di gestione a Trenitalia. Un passaggio che volevamo per il 9 dicembre, ma che al momento sembra invece collocarsi alla fine del 2020: in questo anno faremo di tutto per gestire al meglio tutte le situazioni e dare risposte agli utenti. È chiaro che Gtt domani non può mettere a posto tutti i treni, ma è importate ricordare che esiste una soluzione infrastrutturale che prevede miglioramenti della linea e la sostituzione del materiale rotabile, come è scritto nel contratto con Trenitalia. Intanto vogliamo gestire questo anno con il massimo impegno per fare insieme un ragionamento che Gtt possa avanti in questo periodo».  

Galleria fotografica

Articoli correlati