«La ferrovia Rivarolo-Pont Canavese non chiuderà. E' nostra intenzione procedere con l'elettrificazione». Lo ha detto questa mattina il direttore del settore trasporti della Regione Piemonte, Luigi Robino, intervenendo a un incontro con i sindaci dell'alto Canavese in municipio a Rivarolo. 
 
«Escludiamo la riduzione della linea Canavesana - ha confermato il direttore - anche se dovesse passare a un altro gestore». La Regione ha chiesto al governo 5,8 milioni di euro per procedere all'elettrificazione della tratta Rivarolo-Pont, oggi gestita da Gtt. Altri otto milioni di euro, invece, sono stati richiesti per la messa in sicurezza del tratto della Canavesana che va da Rivarolo a Settimo Torinese. Soldi che, ovviamente, al momento non ci sono e che si spera possano essere stanziati dallo Stato nel corso dei prossimi mesi.
 
«Le problematiche di sicurezza ci sono dopo quello che è successo in Puglia - ha aggiunto il direttore regionale dei trasporti, presente a Rivarolo in sostituzione dell'assessore Balocco, bloccato dall'influenza - i treni, ad esempio, sono stati rallentati a 70 chilometri orari. Anche per questo si sono registrati ritardi e disagi. A nostro avviso questa realtà di territorio può tenere viva la ferrovia se si aumentano i carichi. Per questo siamo convinti a chiedere i fondi per gli investimenti».
 
Presenti a Palazzo Lomellini, nella sala del consiglio comunale, una decina di amministratori locali.

Galleria fotografica

Articoli correlati