Il telefono cellulare non prende ed è ormai impossibile anche solo ricevere delle chiamate? Uncem vuole agire su una grande emergenza del Paese che con la tv che non si vede, è la prima sfera del divario digitale: la telefonia mobile e le troppe zone senza copertura. «Vogliamo insieme impegnare gli operatori a investire nelle aree montane e interne italiane. Lo dobbiamo fare con Mise, Agid, le Istituzioni nazionali dalla parte degli Enti locali - spiegano dall'Uncem - e oggi vogliamo portare all'attenzione degli operatori, del Governo, del Parlamento un elenco di quel pezzo di Paese che non riesce a telefonare, mandare messaggi e navigare, nelle zone alpine e appenniniche. Ce lo hanno chiesto e volentieri lo componiamo, con l'aiuto di tutti».

E' possibile contribuire scrivendo una mail per rendere la mappatura più efficace. L'indirizzo è uncem.nazionale@uncem.net. La mail va compilata con il luogo, il nome di un borgo, la via, la strada, l'area, il nome di un rifugio, le coordinate gis, la zona dove i telefoni non prendono e dove gli operatori di telefonia devono investire. E' possibile indicarne anche più di uno, precisando dove sarebbe necessario che le imprese installassero nuovi ripetitori, nuove strutture, gli opportuni impianti.

«Uncem sta componendo un elenco il più completo possibile e lo invieremo ai principali operatori di telefonia mobile, ai Parlamentari, al Governo e ancora all'AGCom e a quanti si occupano di digitale e infrastrutture, di smart community e di sviluppo locale». C'è tempo fino al 30 settembre 2019 per inviare le segnalazioni.

Galleria fotografica

Articoli correlati