La Lega del Canavese si scaglia contro il nuovo governo targato Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. Parlamentari e Senatori del carroccio eletti in zona, da ieri, sono ufficialmente all'opposizione dopo che il governo Lega-5 Stelle è caduto quasi un mese fa. «E’ evidente che il nuovo Governo sia nato per difendere i seggi parlamentari e per allontanare lo spauracchio di nuove elezioni che avrebbero rappresentato un bagno di sangue per il M5S, ma anche per il Pd, soprattutto per la corrente renziana – commenta il senatore della Lega Cesare Pianasso – Il "patto per le poltrone" è così solido che ha di colpo azzerato le distanze apparentemente incolmabili tra i due partiti. L’unico lato positivo di questa sciagurata alleanza è che ha mostrato così agli italiani il vero volto dei Cinque stelle, che in poco più di un anno hanno compiuto la loro triste parabola da sedicenti rivoluzionari e moralizzatori del sistema, a novelli Razzi e Scilipoti, pronti a tutto per continuare ad assicurarsi lauti stipendi da parlamentari, in barba a qualunque ideale».

Dello stesso avviso il deputato eporediese Alessandro Giglio Vigna che incontrerà militanti, sostenitori, simpatizzanti e cittadini questo giovedì, 12 settembre, alle 21 a Ivrea nella sede della Lega in via Aosta 6 per una serata in cui farà il punto sulla situazione politica nazionale: «Ho deciso di intraprendere questo tour di serate, Ivrea è la seconda dopo Ciriè, perché sentiamo fra i cittadini tanta voglia di capirne di più, il sentimento positivo della gente verso la Lega non è cambiato, anzi è aumentato, in queste serate spiego il perché di questa scelta di coerenza e coraggio di cui andiamo orgogliosi; per coerenza abbiamo rinunciato a sette ministeri, al potere politico abbiamo preferito la nostra dignità: è giusto che chi vuole informarsi abbia la possibilità di sentire e parlare con chi sta vivendo questa fase politica nazionale, con un parlamentare». Alla serata di Ivrea parteciperanno anche gli assessori eporediesi Giuliano Balzola e Giorgia Povolo e il consigliere di Strambino, Fabio Cordera, segretario della Lega Ivrea.

«Assistiamo con sconcerto alla nascita di un non-governo formato da forze politiche i cui unici obiettivi sono bloccare la Lega e Salvini e impedire che il popolo italiano si possa esprimere attraverso le elezioni - aggiunge il segretario della Lega Chivasso, Marcello Cuniberti - un governo tra due forze che si sono sempre odiate e che non hanno nulla in comune se non la paura del voto e di perdere la poltrona. Tutto ciò rappresenta l’ennesimo affronto alla volontà popolare e segna il punto più basso mai raggiunto dalla politica italiana in fatto di serietà e coerenza. Un movimento nato per “aprire il parlamento come una scatoletta di tonno” è finito per diventare il tonno che si chiude nella scatoletta e un partito che ha perso tutte le elezioni possibili e buttato fuori dagli italiani dalla porta rientra dalla finestra attraverso giochini di palazzo».

Galleria fotografica

Articoli correlati