CANAVESE - Il mandato di alcuni sindaci durerà sei mesi in più. E' questo l'orientamento del Ministero dell'Interno in base alla riposta che, tramite la prefettura di Torino, è stata fornita nei giorni scorsi al Comune di Moncalieri. L'amministrazione aveva interpellato il Ministero per conoscere la data di metà mandato, in modo da procedere, come da statuto, alla rielezione del presidente del Consiglio comunale. A Moncalieri si era votato nel settembre 2020, a causa dello slittamento delle elezioni dovuto alla prima ondata covid. Situazione che si è riproposta poi nel 2021 con le amministrative slittate a ottobre.

Da Roma è arrivata la conferma che i Comuni che hanno eletto i propri sindaci a settembre 2020 e a ottobre 2021 non andranno al voto a settembre 2025 o a ottobre 2026 per il rinnovo. Le amministrazioni in carica verranno prorogate per almeno sei mesi, il tempo per arrivare alla finestra naturale delle elezioni locali che è prevista dal 15 aprile al 15 giugno di ogni anno.

Nella risposta fornita al Comune di Moncalieri, il Ministero ha sottolineato che, in base alla legge del 1991, se il mandato elettorale scade nel primo semestre dell'anno le elezioni comunali si devono svolgere tra aprile e giugno del medesimo anno. Se invece il mandato scade nel secondo semestre, al voto si deve andare sempre tra aprile e giugno, ma dell'anno successivo. In questo modo nessuna amministrazione durerà meno di cinque anni ma quelle elette nel 2020 e nel 2021 dureranno cinque anni e mezzo.

Questi i Comuni interessati nel nostro territorio

Sindaci eletti nel 2020: Castellamonte, Castelnuovo Nigra, Valperga, San Giusto Canavese, Montalenghe, Torre Canavese, Baldissero Canavese, Parella, Samone, Cascinette d'Ivrea, Vistrorio, Pont Canavese.

Sindaci eletti nel 2021: Ronco Canavese, Noasca, Frassinetto, Cuorgnè, Brosso, Bollengo, Albiano, Caravino, Settimo Rottaro, Borgomasino, Cuceglio, Ozegna, Feletto, Lusigliè, Pertusio, Volpiano, Ciriè.