La Regione Piemonte ha messo a disposizione delle aziende sanitarie 14 milioni di euro per l’abbattimento delle liste di attesa. La somma servirà per fornire 385.000 esami e visite specialistiche in più tra il 1° ottobre 2018 e il 31 dicembre 2019 e per acquistare macchinari di ultima generazione, con l'obiettivo di far rientrare nei parametri stabiliti dal Ministero della Sanità le prestazioni che oggi ne sono fuori.

All'Asl To4 del Canavese sono stati destinati 416.008,41 euro. Saranno utilizzati per snellire le liste d'attesa per le visite oculistica, dermatologica, fisiatrica e per gli esami del fondo oculare, ecografia addome e mammografia.

Commentando la delibera approvata il 14 settembre dalla Giunta regionale, il presidente Sergio Chiamparino ha dichiarato che “sulle liste d'attesa sappiamo che c’è da recuperare. Ma il pesante piano di rientro ereditato dalla passata amministrazione ce lo aveva finora impedito. Ora invece possiamo usare le risorse disponibili per un intervento significativo, segno che lavoriamo con grande impegno su uno temi più sentiti dai cittadini e sul quale si concentrano le loro critiche”.

L’assessore alla Sanità, Antonio, Saitta, entrando nel dettaglio ha annunciato che “abbiamo approvato tutti i piani per l'abbattimento delle liste che le aziende sanitarie su nostra richiesta ci hanno fornito, finanziandoli integralmente. Ora non ci sono più alibi. Faremo controlli rigorosi, verificando come le risorse vengono spese. Qualora nel 2019 emerga la necessità di ulteriori risorse, le metteremo. Monitoreremo strettamente 42 attività, con controlli che prima non c'erano. Le modalità per arrivare a rientrare nei parametri sono le più varie, abbiamo evitato una standardizzazione perché l'efficacia di ognuna dipende dall'organizzazione della singola struttura. I direttori generali saranno giudicati sui risultati che raggiungeranno. Possiamo dire dunque di aver mantenuto gli impegni”.

Galleria fotografica

Articoli correlati