Sono terminati i lavori alle scuole elementari di Castellamonte. Le opere, seguite dal vicesindaco Teodoro Medaglia, sono state illustrate ieri a palazzo Antonelli dal sindaco Pasquale Mazza e dagli assessori Faletto e Addis insieme al consigliere Pautasso. Complessivamente, in due anni e mezzo, l'amministrazione ha investito per i lavori nei plessi quasi mezzo milione di euro. Tra le opere urgenti i bagni della scuola elementare che risalivano addirittura al 1956. «Erano ormai marci - sentenzia Mazza - si tratta di una ristrutturazione che non poteva più essere rinviata. Il responsabile sicurezza dei plessi ha stilato una scala delle priorità dei lavori e i bagni erano al primo posto».

Non sono mancate le sorprese, compresa la presenza di amianto negli scarichi. «I lavori sono stati temporaneamente sospesi ed è stata verificata la possibile presenza di amianto anche nei mastici delle finestre. Per sicurezza abbiamo effettuato anche dei controlli sull'aria e non c'è traccia di amianto». Il Comune ha chiesto un finanziamento agli enti superiori per progettare lavori di sistemazione dei plessi in ordine alle problematiche antisismiche e antincendio.

Altri lavori hanno riguardato la scuola di Spineto (dove sono state cambiate le luci, «un progetto campione per vedere se la resa delle lampade è buona», ha spiegato il consigliere Pautasso) e la palestra della media Cresto (dove è stato tolto il controsoffitto e sostituite le luci). A breve è in programma la sostituzione delle valvole termostatiche in tutte le scuole per investimento di altri 14 mila euro. Alla scuola materna è stata sostituita la centralina antincendio. Sostiutiti anche 50 tavoli e 100 sedie in mensa a costo zero, dal momento che il Comune ha fatto rientrare questi lavori nell'appalto del servizio mensa.

Galleria fotografica

Articoli correlati