Educazione civica materia obbligatoria nelle scuole per contenere gli atti vandalici. Il Comune di Castellamonte aderisce alla proposta dell'Anci e invita tutti i cittadini a firmare la proposta di legge per ottenere un'ora di educazione civica nei programmi delle scuole.

«Visti gli atti di vandalismo che si sono verificati recentemente nella nostra città - dicono il sindaco Pasquale Mazza e il consigliere Chiara Faletto - come il danneggiamento dei giochi situati nel giardino della scuola materna Musso, dei servizi igienici dell'area mercatale, la messa fuori uso delle panchine pubbliche o il deturpamento delle opere d'arte, invitiamo genitori, nonni e tutti i cittadini che hanno a cuore il bene comune a recarsi in segreteria, al primo piano del palazzo comunale, per sottoscrivere iniziativa promossa dall'Anci di inserire l'educazione civica nelle scuole».

Tutte le informazioni relative alla campagna sono disponibili sul sito del Comune di Castellamonte. La proposta di legge si propone di far crescere nelle nuove generazioni un senso di appartenenza alla comunità che costituisce la base del vivere civile e solidale. L'istituzione dell'ora di educazione alla cittadinanza, oltre a far conoscere i principi costituzionali, può garantire un aumento di consapevolezza della necessità di rispetto dei beni di tutti e delle norme comportamentali.

«Bisogna partire dai banchi di scuola per formare dei buoni cittadini, che abbiano rispetto delle istituzioni e delle regole basilari della convivenza, dotati di un grande senso civico e di appartenenza alla comunità in cui vivono». C'è tempo per firmare fino al 5 dicembre.

Galleria fotografica

Articoli correlati