La discarica di Vespia torna a preoccupare gli abitanti delle frazioni di Castellamonte a ridosso delle quali si è sviluppata, nel corso degli anni, l'enorme montagna di spazzatura. Dai cittadini di Campo e Muriaglio è arrivata la richiesta di un incontro con l'amministrazione comunale. Richiesta che un residente, Giovanni Truchetto, ha inviato al sindaco Pasquale Mazza e all'assessore Marco Bernardi Ghisla.

A seguito del cambio di proprietà della discarica di Vespia (link sotto), l'incontro si rende necessario «visto il continuo e intenso traffico di automezzi pesanti che entrano in discarica, non avendo da tempo alcuna informazione ufficiale in merito alla coltivazione della discarica e sull'impatto ambientale e sanitario del territorio». Oltre alla doverosa «preoccupazione di gran parte degli abitanti della zona». All'incontro, oltre a quella dell'amministrazione comunale, è stata richiesta la presenza anche degli enti preposti al controllo della discarica (Arpa e Asl To4, ad esempio) oltre che della proprietà di Vespia, «al fine di ottenere chiarimenti e notizie in merito al futuro della discarica».

Quello della discarica è indubbiamente un problema «sentito» a Castellamonte. Svanite le possibilità di una chiusura definitiva del sito, la vecchia proprietà ha comunque passato la mano ad una nuova società che, per arrivare al fine vita della discarica, dovrà prima "completare" la cubatura ancora disponibile. Di questo, però, non sono stati informati i residenti di Campo, Muriaglio e Preparetto che adesso chiedono notizie e trasparenza.

Galleria fotografica

Articoli correlati