Tempo di auguri anche per i consiglieri di minoranza di Castellamonte che, a poche ore dalla conferenza stampa di fine anno del sindaco Pasquale Mazza, hanno tracciato il bilancio di questo primo anno e mezzo di amministrazione. Falletti, Maddio e Tomaino si annunciano particolarmente battaglieri nel 2019, pronti a lavorare insieme ad Ertola e Villirillo, appena «fuoriusciti» dalla maggioranza.

«Vedremo questo rimpasto cosa porterà - dice Giovanno Maddio - specie per alcuni assessori con determinate deleghe. Speriamo che il sindaco e la giunta smettano di fare campagna elettorale. Ora basta dire faremo. Bisogna guardare quello che si fa. E fin qui si è fatto davvero poco». La minoranza dice di essersi presa «abbastanza tempo» per vedere la giunta all'opera. «Da questo momento in poi si cambia registro. Basta vedere sulla discarica cosa hanno detto, dall'esercito in poi, per poi dire quello che abbiamo sempre detto noi. E infatti la discarica è regolarmente aperta».

Sulle parole espresse da Ertola e Villirillo dopo l'addio a Mazza, i tre del gruppo d'opposizione si sentono rinfrancati: «Hanno confermato che la giunta dipinge nei nostri confronti una situazione di bilancio non vera. Ci conforta ritrovare scritto quello che noi abbiamo sempre sostenuto». E Nella Falletti, aggiunge: «Mazza ha sempre avuto tutta la documentazione in mano quindi era a conoscenza di come stavano le cose. Passi la campagna elettorale ma è il caso di abbassare i toni. Purtroppo in questo anno e mezzo si sono verificate diverse cose negative come la chiusura del centro anziani e l'addio di molte manifestazioni per il commercio. Per non parlare del flop sulla ceramica».

Galleria fotografica

Articoli correlati