CHIAVERANO - In questi giorni il Comune di Chiaverano sta ricevendo molte telefonate e molte richieste di appuntamento con l'ufficio tributi in merito a presunti aumenti sulla tassa rifiuti. L'amministrazione comunale fa presente che «la Tari per l'anno 2021 non è aumentata ma è pari a quanto previsto per l'anno 2019».

Il presunto aumento è determinato dal fatto che nel 2020, a causa della pandemia dovuta al coronavirus, il Comune di Chiaverano aveva deciso di destinare un'ingente somma del bilancio comunale (pari a circa 100mila euro) per dare un sostegno alle attività economiche e alle persone in difficoltà. «Se si recupera l'avviso di pagamento del 2020 si troverà scritto "È stato inoltre stabilito, per l’anno 2020, un intervento sociale pari al 70% per le attività che sono state chiuse obbligatoriamente e del 30% per le utenze domestiche - confermano da palazzo civico - quindi lo scorso anno tutti abbiamo avuto una riduzione del 30% mentre bar, ristoranti e parrucchieri l'hanno avuta del 70%».

Ora, per il 2021, la tariffa è tornata normale in quanto non è più pensabile che il Comune blocchi lavori e investimenti per una riduzione generalizzata della Tari: «Se ci sono famiglie o attività commerciali che continuano ad essere in sofferenza il Comune può intervenire a sostegno dei singoli casi».

Galleria fotografica

Articoli correlati