Si accende la campagna elettorale per le Regionali in Canavese. Ieri il candidato del centrodestra Alberto Cirio, dopo un sopralluogo a Belmonte per prendere visione dei danni provocati dall'incendio al Sacro Monte, ha partecipato ad un incontro pubblico a Cuorgnè, nell'ex chiesa della Trinità. Un incontro relativo a fondi europei per promuovere una nuova piattaforma internet per reperire contributi. Francesca Bonomo, parlamentare del Pd, va all'attacco: «Il centrodestra non rispetta le regole».

«Il rispetto delle regole, prima di tutto. Troviamo poco corretto che, in piena campagna elettorale, il nome del candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Piemonte, Alberto Cirio, in qualità di eurodeputato, compaia sul manifesto di presentazione di un'iniziativa organizzata dai Comuni di Rivara e Cuorgnè quando mancano poco meno di due mesi al voto e il Bur con i comizi elettorali è già stato pubblicato martedì 2 aprile».

La deputata canavesana del Pd si appella al Corecom dopo la pubblicizzazione dell'evento in programma ieri sera, giovedì 4 aprile, a Cuorgnè. «L'articolo 9, comma 1, della legge numero 28 del 22 febbraio 2000 parla chiaro - afferma Bonomo - e riporta: "Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione, ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l'efficace assolvimento delle proprie funzioni". La promozione del convegno "ContributixTe" - che riporta tra l'altro in bella vista la fotografia dello stesso Cirio, invitato alla serata in qualità di eurodeputato - vìola chiaramente la norma. È questa la modalità con cui il centrodestra intende portare avanti la campagna elettorale? Noi non ci stiamo».

Galleria fotografica

Articoli correlati