Consiglio Comunale con l'approvazione di importanti misure a cui ha aderito il Comune di Cuorgnè, utili per lo sviluppo del territorio: dall’adesione alla convenzione Stato/Regione per essere parte attiva del progetto di semplificazione delle procedure burocratiche per le attività economiche denominato “Burocrazia Zero” (il cui iter iniziale partì proprio dalla città delle due torri su proposta del sindaco Pezzetto), alla stipula della convenzione sempre con i soggetti Regione e Stato per la diffusione della “banda ultralarga”, argomento, quello della necessità di dotare il Canavese di infrastrutture tecnologiche adeguate, da sempre cavallo di battaglia del primo cittadino.
 
Approvato anche il piano unitario di sviluppo per il territorio delle Unioni Montane Alto Canavese e Val Gallenca con il Comune di Cuorgnè, da presentare alla Regione Piemonte. Tra le voci per cui, nell’ambito delle misure finanziabili è stato richiesto un finanziamento di 250 mila euro figura l’area e la struttura dei Ronchi Maddalena, comunemente chiamata “Campetto”, luogo di aggregazione importante non soltanto per tutta la frazione.
 
«Voglio sottolineare come anche questa iniziativa vada nell’ottica di agevolare lo sviluppo del nostro territorio e come alcune delle scelte strategiche fatte nel recente passato, ci consentano di aprire oggi, nuovi canali di finanziamento con potenziali ricadute positive per le nostre realtà, in tal senso aver ottenuto con caparbietà e lungimiranza l’inserimento della Città di Cuorgnè nel Gal (Gruppo di Azione Locale) è stata una scelta vincente - sottolinea l'assessore Silvia Leto - presentare un piano unitario per il territorio delle Unioni Montane Alto Canavese e Val Gallenca con il Comune di Cuorgnè, costituisce una buona opportunità per “provare” che questo territorio ha interesse a lavorare in modo congiunto».

Galleria fotografica

Articoli correlati