«Salvini e il governo danno voce alle istanze della gente comune che chiede equità sociale e una migliore distribuzione del reddito, istanze che il Pd e i suoi governi non hanno mai accolto». Fa discutere la presa di posizione sui social di Federico Morgando, preside di numerose scuole a Castellamonte, Cuorgnè e Comuni limitrofi. Morgando, presidente dell'Anpi di Cuorgnè dal 2014 al 2017, ha infatti affidato ai social il proprio pensiero politico, partendo da una critica verso le recenti prese di posizione dell'associazione partigiani.

«Chi ha combattuto per cacciare nazisti e fascisti lo ha fato per creare uno Stato democratico e non certamente per abbattere i confini dell’Italia e permettere a chiunque di entrarci». Da qui, solo parole di fuoco per l’associazione con tanto di sorprendente endorsement per l’attuale Ministro dell’interno, con il quale Morgando non ha mai avuto affinità politiche: «Purtroppo l’Anpi è diventato portavoce del Pd con la nuova presidenza, modificando una linea moderata e apartitica che lo aveva contraddistinto per decenni: non è possibile condividere questa deriva».

Il preside si è anche espresso sulla cattura del latitante Battisti: «Invece di criticare chi giustamente esulta per avere assicurato alla giustizia un assassino, perché non ricordare l’indegno comportamento del governo di sinistra che accolse come una eroe Silvia Baraldini, siamo nel 1999 , condannata negli USA a 43 anni di reclusione per terrorismo e trasportata in Italia a nostre spese e accolta dall’allora ministro della giustizia Oliviero Diliberto (compagno ex Pci poi comunisti italiani, membro governo D’Alema) in aeroporto e omaggiata da rose rosse in carcere da Cossutta con manifestazioni di piazza al grido liberi tutti?».

Galleria fotografica

Articoli correlati