Questa mattina la reliquia di San Giovanni Bosco è ripartita per Lanzo. Il passaggio a Cuorgnè di Don Bosco è coinciso con un'iniziativa del Comune che, con un atto formale, mira a rendere "istituzionale" la presenza e l'importanza dei salesiani in città. 

Il sindaco Beppe Pezzetto, nel ricevere, alle 18 in piazza Morgando, l'urna del Santo, ha ringraziato la famiglia Salesiana per quello che ha definito un "dono" fatto alla Città di Cuorgnè, sia per chi crede che per chi no crede.

Nel suo intervento ha voluto sottolineare l'importanza dei Salesiani per Cuorgnè, ha voluto ricordare monsignor Carlo Chenis, scomparso troppo presto, e nel ringraziare l'instancabile don Nicola Faletti, ha voluto impegnarsi per presentare al consiglio la proposta di nominarlo cittadino onorario.

Don Nicola Faletti, da sempre a Cuorgnè, è uno dei più anziani padri salesiani ancora in attività ed è stato iniziato alla famiglia salesiana proprio dagli allievi di Don Bosco.

Galleria fotografica

Articoli correlati