FAVRIA - L'ispettorato del lavoro ha notificato una multa di 7.000 euro al Comune di Favria per non aver assunto una persona disabile nella propria pianta organica. Il concorso indetto dall'amministrazione comunale, infatti, è stato bloccato a causa delle limitazioni covid e l'ente, a quel punto, è rimasto per un anno senza un dipendente nella categoria protetta. La mancata copertura delle quote di personale riservate ai disabili ha determinato la multa contro la quale l'amministrazione, tramite i propri legali, ha presentato ricorso.

«L'ispettorato del lavoro, in questo caso, non ha tenuto conto di nulla - spiega l'avvocato Massimo Pizzuti che tutela l'ente - bilanci comunali, procedure di assunzione e pandemia covid. Basti pensare che l'emergenza sanitaria, fino a maggio di quest'anno, ha bloccato qualsiasi concorso pubblico». Oltretutto, quando la procedura del concorso pubblico è ripartita, qualche settimana fa, sono state vagliate le domande presentate dai candidati (una ventina in tutto). E nessuno è risultato idoneo per la mansione.

Una vicenda iniziata nei primi mesi del 2019 quando l'amministrazione del sindaco Vittorio Bellone si è trovata con l'esigenza di coprire un posto destinato alle categorie protette. La procedura con il centro per l'impiego ha richiesto diversi mesi così il Comune, per velocizzare l’iter, ha deciso di passare al concorso pubblico. Solo che la chiamata di lavoro, bandita all’inizio del 2020, è rimasta congelata a causa del covid.

Galleria fotografica

Articoli correlati